RUBRICHE

Aglianico Campania e Basilicata: scopriamo gli abbinamenti dei grandi vini del sud

Dalle regioni meridionali della Campania e della Basilicata, questo vitigno autoctono viene coltivato sulle pendici dei vulcani del Monte Vulture e del Taburno, nonché nelle sottoregioni Falerno del Massico, Irpinia e Avellino. Per molti anni è stato semplicemente reso simile nello stile ai vini Sangiovese fortemente tannici, ma recentemente i viticoltori hanno imparato a domare l’acidità bruciante e i tannini spesso grossolani.

L’uva Aglianico produce un vino rosso corposo con tannini decisi e acidità che molti pensano eguagliare o superare i pregiati vini italiani a base di Sangiovese e Nebbiolo. Tradizionalmente, però, l’Aglianico non ha avuto grande produzione e distribuzione, né la notorietà dei Brunello o dei Barolo.

Gli aromi includono frutti neri, cuoio e toni terrosi di funghi e tartufo nero. Al gusto, l’acidità ei tannini che danno una sensazione rustica sono evidenti nei vini giovani, ma con un invecchiamento di 10 anni o più, il vino mostra aromi di frutta secca con tannini fini e polverosi e un finale speziato.

Indicazioni per l’abbinamento cibo-vino: Questo vino si abbina bene a carni ricche e ad alto contenuto di grassi per assorbire l’astringenza. Per i non mangiatori di carne, abbinalo a ricchi sapori di umami che presentano anche un’elevata acidità nelle salse di accompagnamento.

Cibi e Primi che di solito si abbinano: Barbecue senza capsaicina piccante, manzo, agnello, selvaggina, maiale grasso e salumi come prosciutto, salame toscano, pancetta, carne affumicata, salumi e salsicce.

Abbinamenti Formaggi: Asiago, Bel Pase, Fontina, Grana Padano, Mozzarella, Parmigiano-Reggiano, Pecorino Romano, Provolone, Taleggio.

POTREBBE INTERESSARTI