RUBRICHE

Alla scoperta del suggestivo territorio di Ariano Irpino

Il comune di Ariano Irpino si trova sul versante settentrionale della Valle dell’Ufita , a 601 metri sul livello del mare ea 76 km da Avellino . Con i suoi 22.004 abitanti ei suoi 100,88 kmq, è il secondo comune più popoloso della provincia di Avellino, nonché il più esteso per superficie. I comuni limitrofi sono: Apice, Castelfranco in Miscano, Flumeri , Greci , Grottaminarda , Melito Irpino , Montecalvo Irpino , Monteleone di Puglia, Savignano Irpino , Villanova del Battista e Zungoli. 

È attraversato dai fiumi Ufita e Miscano ed è attraversato dal torrente Cervaro. 
L’ etimologia del nome potrebbe derivare dal termine latino Ab Ara Iani , con riferimento ad un antico altare pagano dedicato al dio Giano o, secondo un’altra versione, dalla locuzione Fundus Arianus (lett. “terra di Ario”). Gli abitanti si chiamano Arianesi e Sant’Ottone Frangipane è il loro patrono. 

LUOGHI DI INTERESSE

  • Castello Normanno – Di origine longobarda, poi restaurato e ampliato dai Normanni, sorge sulla sommità del colle omonimo
  • Duomo – L’imponente basilica è dedicata all’Assunzione di Maria, a Sant’Ottone Frangipane (protettore della diocesi) e a Sant’Elzearo di Sabrano (compatroni)
  • Museo della Ceramica – L’antico Palazzo Forte ospita oltre 250 ceramiche per raccontare la storia di un’arte antica che mescola acqua, fuoco, terra e aria con i colori e la maestria dei vasai arianesi
  • Museo della Civiltà Normanna – Situato nel Castello Normanno, conserva la collezione numismatica, un grande plastico della Battaglia di Hastings del 1066 e circa 200 esemplari autentici di armi di varie epoche
  • Musei – Museo Archeologico, Museo Diocesano, Museo degli Argenti del Duomo, Museo “Giuseppina Arcucci”, Museo di Storia della Terra e della Vita
  • Santuario di San Liberatore Vescovo e Martire – Situato su un colle circondato da uliveti, è dedicato al compatrono San Liberatore
  • Santuario Salus Infirmorum di Valleluogo – Situato presso uno storico mulino, in una valle ricca di acque e alberi secolari
  • Chiesa di San Pietro Apostolo della Guardia – Si trova nello storico rione della Guardia e risale al 1459
  • Chiesa della Madonna del Carmine – Costruita nel 1688, nei pressi dell’ex convento dei Cappuccini
  • Chiesa di Sant’Agostino – Situata nell’antica Piazza Ferrara, custodisce un altare della Consolazione del XVI secolo
  • Villa Comunale – Costruita nel 1876 nell’area del Castello, si distingue per gli ampi scorci panoramici
  • Palazzi – ex Palazzo Bevere-Gambacorta, Palazzo San Giacomo, Palazzo Anzani, Palazzo Forte, Palazzo Vitoli-Cozzo, Palazzo De Piano-D’Afflitto, Palazzo Marino, Palazzo ex Vitale-Pisapia, Palazzo Sgobbo, Palazzo Forte
  • Torri del territorio – Nel settore nord-est dell’agro comunale si trovano tre torri di avvistamento di epoca medievale: la Torre delle Ciaule , la Torretta di Camporeale e la Torre delli Pizzi

POTREBBE INTERESSARTI