Amadeus: ieri dj, oggi star della tv italiana

Il presentatore di intrattenimento e giochi Amedeo Sebastiani – conosciuto professionalmente come Amadeus – è nato in questo giorno nel 1962 a Ravenna.

In una carriera sul piccolo schermo che dura da quasi 35 anni, Amadeus ha diretto diversi programmi importanti sia per l’emittente nazionale RAI che per i canali della rete privata Mediaset .

È stato il volto originale del game show di successo L’eredità – che è stato un appuntamento fisso su Rai Uno dal 2002 – e più recentemente è diventato l’ospite fisso del varietà annuale di Capodanno di Rai Uno L’anno che verrà – L’anno che verrà.  

Amadeus ha anche presentato due dei più grandi concorsi canori italiani, il Festivalbar e il Festival di Sanremo, di cui è l’attuale conduttore e direttore artistico.

I genitori di Sebastiani erano entrambi siciliani, suo padre Corrado un abile cavaliere che insegnò al figlio a cavalcare e gli trasmise la passione per i cavalli.

Dopo aver svolto il servizio di leva nella base di San Giorgio a Cremano vicino a Napoli, ha lavorato per la prima volta in radio nel 1979 per una piccola stazione di Verona, dove si era trasferito con la famiglia all’età di sette anni.

Tre anni dopo, lavorando per l’emittente musicale nazionale Radio Deejay, adottò il nome d’arte Amadeus.

Esordisce in televisione nel 1988 per Mediaset, partecipando a un programma musicale sul canale Mediaset Italia 1 insieme all’amico rapper Jovanotti, conducendo successivamente Deejay Television e Deejay Beach su Italia 1.

Nasce così il suo coinvolgimento nel concorso canoro Festivalbar, trasmesso ogni estate dal 1964 al 2007, che si svolge all’aperto nelle piazze principali di molte città d’Italia, culminando con una finale all’Arena di Verona.

Dopo aver condotto un talent show su Canale 5, un altro canale Mediaset, ha fatto la sua prima avventura nel mondo dei giochi a premi subentrando all’amico Gerry Scotti come conduttore de Il Quizzone, ma è stato dopo il passaggio a Rai Uno nel 1999 che iniziò ad essere associato al genere dei quiz.

L’eredità, game show in cui i concorrenti affrontano sette diverse sfide ideato dallo stesso Amadeus in collaborazione con Stefano Santucci, lanciato nel 2002. Ha riscosso un enorme successo, attraendo regolarmente oltre otto milioni di spettatori, regalando alla Rai il dominio della prima serata orari e trasformando Amadeus in una star.

Era così popolare come conduttore che Mediaset lo volle presto indietro, attirandolo con successo dopo appena quattro stagioni come conduttore de L’eredità, offrendogli un contratto che era troppo buono per rifiutare.

Eppure dopo soli tre anni, nel 2009, è rientrato in RAI, dove rimane tuttora. Ha ospitato a lungo uno spettacolo di varietà intitolato Mezzogiorno in Famiglia prima di assumere il ruolo di conduttore de L’anno che verrà nel 2015 e del popolare Soliti ignoti – una versione italiana dello spettacolo americano Identity – dal 2017.

Amadeus è il principale presentatore e direttore artistico del Festival di Sanremo dal 2020 e lo rimarrà almeno fino al 2024.

Sposato due volte, ha una figlia, Alice, e un figlio, José Alberto, che prende il nome da José Mourinho, l’allenatore di calcio portoghese che ha guidato l’Inter-Milan, di cui Amadeus è tifoso da una vita.

Potrebbe interessarti

Anno di nascita 1898, autrice di commedia, attrice, pittrice, donna carismatica ma dall’animo gentile,

Sono due anime speciali Emanuele e Chico, che solo a guardarli ti si riempie

Vittorio De Sica , (nato il 7 luglio 1902, Sora , Italia — morto

Piero Angela, Grande Ufficiale OMRI è stato un indimenticato conduttore televisivo, giornalista scientifico, scrittore

Appare per la prima volta nei film da bambina negli anni ’50, prima di

Negli ultimi 40 anni ha condotto programmi di punta sul piccolo schermo. La conosciamo,

Teddy Reno è un volto notissimo della musica nostrana è conosciuto anche per la sua

Carriera stimabile, giornalista di talento ma soprattutto personaggio della tv Luca Giurato per un

Memo Remigi

Tra i personaggi che hanno fatto la storia della musica italiana negli anni Sessanta,

Giovani e brillanti. Imprenditori, sportivi, artisti, attori, youtuber, influencer. Di questo e di molto

TRANSLATE
error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici anche nei social dove da questo anno condividiamo storie, video, esperienze italiane di imprese e persone che amano e vogliono vivere questa meravigliosa penisola, contribuendo con informazioni utili.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati a Italia da Vivere e resta sempre aggiornato.