Arrigo Sacchi il profeta del pressing a tutto campo, l’italiano che ha riscritto la storia del calcio

Soccer field

Ha fatto sognare i tifosi del Milan con il suo calcio spettacolare e con le sue vittorie. E’ arrivato ad un passo dalla vittoria della coppa del Mondo. I suoi metodi, le sue idee, la sua intelligenza, ne fanno di certo uno degli allenatori italiani che in assoluto ha scritto la storia del pallone. Pressing a tutto campo, difesa a zona in linea per mandare gli avversari sistematicamente in fuorigioco e 4-4-2 come sistema base erano il suo credo. Con queste idee calcistiche, mutuate dal grande Ajax di Johan Cruijff, Arrigo Sacchi ha rivoluzionato il calcio italiano, rendendolo più europeo, ed è stato l’artefice del Grande Milan, dove è approdato nell’estate del 1987 dopo una lunga gavetta in panchina e una modesta carriera da calciatore dilettante. Vince praticamente tutto, soprattutto fuori dall’Italia: in quattro anni conquista uno Scudetto, una Supercoppa italiana, 2 Coppe dei Campioni, 2 Supercoppe europee e 2 Coppe Intercontinentali. Fioccano anche i premi individuali, con l’assegnazione per due stagioni consecutive del Seminatore d’Oro come miglior allenatore italiano. Poi però il rappporto con i big si incrina e nel 1991 c’è la separazione dai rossoneri. Ma a lui pensa la Federcalcio, che lo sceglie come nuovo Ct. azzurro dopo la fine dell’era Vicini. Con la Nazionale italiana però non riesce a ripetersi, ed è 2° ai Mondiali di USA ’94. Gli Azzurri sono battuti nella finale di Pasadena dal Brasile di Romario ai calci di rigore. Torna in rossonero, ma le cose sono cambiate e gli anni d’oro sono già alle spalle. Fa un’esperienza all’estero con l’Atletico Madrid, senza grandi risultati, chiusa con l’esonero. Il calcio gli causa problemi di salute e stress, così nel 1999 il tecnico delle grandi vittorie in rossonero annuncia il suo ritiro dal calcio. Ma nel 2001 ci ripensa e il 9 gennaio approda sulla panchina del Parma, salvo dimettersi già a fine mese e dare il suo addio definitivo alla carriera da allenatore. Va quindi a fare il Direttore dell’area tecnica per il Real Madrid, chiamato da Florentino Pérez, e ricopre questo ruolo per circa un anno. Per circa 3 anni ha lavorato infine con la FIGC come Coordinatore tecnico delle Nazionali giovanili azzurre. Stimato professionista, con le sue opinioni spesso taglienti ha spesso partecipato come opinionista a trasmissioni televisive, senza timore di esprimere opinioni anche dure sul Mondo del calcio. Nel 2011 è stato inserito nella Hall of Fame del Calcio italiano.

Potrebbe interessarti

Fra Giovanni da Montecorvino nacque a Montecorvino Rovella, in provincia di Salerno, nel 1247,

Coltivare la passione per la bicicletta in tutte le sue forme. Una occasione straordinaria

All’interno del complesso medievale di via Carducci, nel cuore di Firenze, nasce la nuova

La medicina non è divertente ma c’è molta medicina nel divertimento”. È questo il

Little girl hugs mom pregnant belly

Il Professor Ermanno Greco, dell’European Hospital di Roma, ci spiega la Next Generation Sequencing,

Pensi di conoscere una città e poi ti sorprendi per aver assaporato solo una

Risotto with curcuma

Il riso italiano da risotto è per eccellenza il Carnaroli. Chicco grande, capacità di

Il concetto che premette l’inizio e la fne di un susseguirsi ciclico del tempo

Uno stadio che ha fatto non solo la storia del calcio italiano, ma di

L’Azienda Agricola “La Cisterna del Marchionato”, fondata nel 1950 a Vetralla, in provincia di

TRANSLATE
error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici anche nei social dove da questo anno condividiamo storie, video, esperienze italiane di imprese e persone che amano e vogliono vivere questa meravigliosa penisola, contribuendo con informazioni utili.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati a Italia da Vivere e resta sempre aggiornato.