RUBRICHE

Avocado siciliano ai piedi dell’Etna: un sogno impossibile che si è realizzato

Negli ultimi anni anche l’Italia ha iniziato ad avere un’avocado-mania. Con il suo nome esotico e il suo sapore delizioso, l’avocado è sbarcato sulle nostre tavole italiane. 

Basta abbinare Avocado con pomodoro e mozzarella per ottenere un piatto con i nostri colori nazionali e un pasto delizioso. Anche in Italia un brunch domenicale non è tale senza un toast all’avocado.  

Presumibilmente è poco noto che gli avocado siano coltivati ​​in varie regioni del sud Italia, tra cui Calabria e Puglia . Ma tra tutte, la Sicilia è la regione in cui l’avocado ha trovato il suo terreno.

Nel catanese , ai piedi dell’Etna , un microclima permette all’avocado di crescere con un ridotto impatto idrico.

“A Giarre ( paese situato a circa 275 km (171 miglia) a sud-est di Palermo e a circa 30 km (19 miglia) a nord di Catania ), si trovano condizioni pedoclimatiche e un’umidità positiva favorevoli alla raccolta dell’avocado.

Con oltre 600 millilitri di precipitazioni annue, è una delle zone più piovose della Sicilia. Il terreno vulcanico su cui crescono le piante è ricco di elementi preziosi per l’avocado. Pertanto, non è necessario concimare.

In particolare alcune zone come il versante orientale dell’Etna , Messina e Siracusa , dove si coltivano i limoni, si sono rivelate particolarmente vocate. In questa regione si è deciso di investire in prodotti biologici di qualità e sostenibili. I produttori partivano da terreni abbandonati o esauriti, bonificati e convertiti a questo tipo di produzione. Gli alberi vengono poi piantati a circa 7 metri l’uno dall’altro per sviluppare e ridurre la necessità di pesticidi e altri interventi chimici.

I produttori siciliani affermano che, in queste condizioni, la scelta della produzione biologica è perfettamente calzante.

C’è una relazione tra il cibo che mangiamo e la salute del pianeta. Imparare a riconoscere alternative etiche e sostenibili è, quindi, un’azione quotidiana con implicazioni globali che potremmo voler tenere a mente quando facciamo la nostra lista della spesa.

POTREBBE INTERESSARTI