RUBRICHE

Biscotti Ricciarelli senesi: sentori di mandorle e agrumi per un pasticcino che è storia

Dolce tipico della cucina senese, i ricciarelli di Siena sono morbidi biscotti alle mandorle le cui origini risalgono al XIV secolo. Secondo una leggenda popolare, avrebbero preso il nome da un nobile senese Ricciardetto Della Gherardesca, che al ritorno dalle Crociate portò a Siena simili dolci arabi a forma di losanga.

Questi biscotti erano allora conosciuti anche come marzapanetti alla senese o morzelletti, ed erano riservati ai sontuosi banchetti e feste dei reali toscani, poiché la pasta di mandorle o marzapane era un ingrediente prezioso e costoso venduto solo nelle farmacie rinascimentali insieme ai più esotici spezie del tempo.
Oggi i ricciarelli aromatici sono fatti con mandorle dolci e amare, zucchero e albumi d’uovo; vengono spesso condite con scorze d’arancia candite e spolverate con zucchero a velo. In Toscana sono un tradizionale dolcetto natalizio, tipicamente gustati con vini da dessert come il Moscadello di Montalcino o il Vin Santo.

Non sarebbe Natale in Italia senza i biscotti Ricciarelli. In Toscana e in tutta Italia le tipiche prelibatezze natalizie riempiono gli scaffali di pasticcerie e supermercati, dal panettone al pandoro burroso al torrone ricoperto di cioccolato. Ma anche se  i Ricciarelli finiscono sulle tavole di tutta Italia, sono una vera prelibatezza toscana.

Questi morbidi biscotti di pasta di mandorle hanno una lunga storia, e sono una delle antiche e più care tradizioni della città di Siena , in Toscana .

A Siena puoi comprare i ricciarelli, così come altri piatti natalizi come il panforte e i cavallucci,  tutto l’anno. Fanno parte dell’identità della città , come la corsa di cavalli medievale Il Palio e le storiche contrade . Mangiare uno di questi dolci è un po’ come prendere un boccone di storia locale .

Ma cosa hanno di così speciale? Sono delicati e così morbidi che si sciolgono in bocca. Hanno il sapore agrodolce tipico delle mandorle , e sono ricoperte di zucchero a velo. Non viene utilizzata farina e la pasta è fatta con mandorle che tradizionalmente venivano macinate con la macina e lasciate per almeno due giorni prima della cottura. A tutela della ricetta tradizionale hanno ricevuto nel 2010 il marchio IGP .

POTREBBE INTERESSARTI