Calabria la leggenda della vite e il dono dell’usignolo

grape harvest

Le leggende intorno alla produzione del vino affondano le loro radici nella notte dei tempi. Storicamente il vino è in fondo nato con l’uomo: già i greci, per esempio, producevano vino, come ci narra Omero nell’Odissea con le peripezie di Ulisse. Ma probabilmente ben prima dei greci stessi, gli uomini si erano accorti delle potenzialità gustative e afrodisiache di un nettare meraviglioso, che schiacciato con i piedi regalava estasi e gioia. L’Italia era ed è terra di uve meravigliose. E ogni Regione in fondo conserva le sue leggende, tra realtà e fantasia, legate al mito del vino.
Narrano i cantastorie calabresi che ci fu un tempo remoto in cui la vite era una semplice pianta ornamentale: non produceva né fiori né tanto meno frutti.Venne la primavera e il contadino decise di tagliarla: «Questa pianta dà ombra ai seminati» disse «la ridurrò più piccola che sia possibile».Detto fatto: il contadino la potò così energicamente che della verde pianta non rimasero che pochi rami nudi e corti.La vite pianse e un usignolo ebbe pietà di lei: «Non piangere» disse «io canterò per te, e le stelle si muoveranno a compassione».Volò sui poveri rami tronchi, vi si afferrò con le zampette e, giunta la notte, cominciò a cantare tanto dolcemente che la vite si sentì via via rinascere.Per dieci notti, le note trillanti salirono verso le stelle, finché esse si commossero e fecero discendere un po’ della loro forza sulla povera pianta mutilata.Allora la vite sentì scorrere in sé una linfa nuova; i suoi nodi si gonfiarono, le sue gemme si aprirono. I primi pàmpini verdi fremettero alla brezza, e tenui riccioli verdi, i viticci, si allungarono per avvolgersi come una delicata carezza intorno alle zampine dell’uccellino.Quando l’usignolo volò via, già gli acini del primo racimolo cominciavano a dorarsi alla luce dell’alba.La vite era diventata una pianta fruttifera. E che pianta! Il suo frutto possedeva la forza delle stelle, la dolcezza del canto dell’usignolo, la luminosa letizia delle notti estive.Se andrete in Calabria, vedrete queste piante: ceppo basso con grossi tralci aggrovigliati a fior di terra, tralci ricchi di verdi pàmpini.

Potrebbe interessarti

Top View of Witch Holding Crystals Near Runes on Black

In tema di streghe, la storia, la leggenda, le credenze religiose, la superstizione ed

Ci sono molte tradizioni italiane che possono sembrare strane o insolite a chi non

Se non siete mai stati a Chioggia approfittatene per un tour molto particolare, tra

Faggeto secolare - Abruzzo, Italy

Se potessero parlare racconterebbero le storie di uomini e donne. Se avessero gli occhi

Tasty pizza made of cheese and tomatoes. Pizza with mozzarella.

La storia della pizza è antica quanto l’Italia stessa. Civiltà del passato come gli etruschi

Sicily

La Sicilia è culla di culture differenti, è terra capace come poche di abbracciare

Three donkeys

Nei film del Neorealismo italiano era simbolo di coraggio, di forza, di umiltà, di

Per molti secoli la Sicilia ha fatto parte del più ampio mondo greco e

still life with Retro old TV.

Pietrangelo Gregorio aveva un grande sogno: creare la prima tv libera italiana. E ci

I serpenti suscitano da sempre sentimenti contrastanti: si amano oppure si odiano. Nella tradizione cristiana gli animali che

TRANSLATE
error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici anche nei social dove da questo anno condividiamo storie, video, esperienze italiane di imprese e persone che amano e vogliono vivere questa meravigliosa penisola, contribuendo con informazioni utili.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati a Italia da Vivere e resta sempre aggiornato.