Canederli: la forza della cucina di montagna italiana

snack appetizer with wholemeal bread, raw ham and smoked provola

Le chiamano polpette di pane ma sono molto altro. Rappresentano tutto quello che la tradizione della cucina di montagna sa regalarci: la semplicità, gli ingredienti poveri, i sapori forti e caldi di ricette che riscaldano il cuore e il palato. I canederli sono un piatto tipico del Trentino, e rappresentano quanto di meglio questa splendida Regione abbia da offrire a tavola.
Uno di quei piatti che ti rimette al mondo e, almeno per chi è cresciuto da queste parti, suggerisce ricordi belli. Se devi coccolarti con il cibo, che sia con qualcosa di morbido, gustoso e tremendamente appagante, come un piatto di canederli d’inverno insomma.
La nonna che cucina le nostre ricette infatti, i canederli li fa solo quando ha da parte il pane avanzato di qualche giorno, ma se per caso una voglia insana vi prendesse e foste sprovvisti di pane raermo, in molti panifici lo troverete in sacchetti, già tagliato a cubetti.
La tradizione di casa è certamente più vicina al gustare i canederli in brodo, ma potete anche provare ad assaggiarli con il burro fuso, il procedimento non è diverso, dovete solo scolare il canederlo dal brodo.

Ingredienti per canederli:
800-1000 g di pane raermo circa 4 uova
170 g di farina
500 ml di latte
1 lucanica, 1 o 2 hg di speck o pancetta (o tutti e tre o uno solo dei tre) 2 cucchiai di prezzemolo tritato
pizzico di sale
2 litri circa di brodo di carne o verdure fatto in casa

Preparazione: tagliate il pane raffermo a cubetti aiutandovi con un coltello per il pane e un tagliere, per poi metterlo in una ciotola ampia.
Quindi aggiungete il latte. Con le mai amalgamate pane e latte e lasciate riposare per almeno un’ora, ma se avete modo di farlo riposare
più a lungo andrà benissimo, anche una notte intera.
Una volta lasciato riposare, sbattete velocemente le uova e aggiungetele al pane ammorbidito e mescolate con le mani.
A questo punto aggiungete poi la farina. Fate attenzione con la farina perché è quella che determinerà la consistenza del canederlo, se eccedete rischiate che i vostri canederli diventino troppo duri. Di solito qui l’esperienza è fondamentale, quindi facendoli un po’ di volte migliorerete sempre di più.

Potrebbe interessarti

Uno straordinario piatto unico del nostro sud, decisamente invernale. Le patate vengono stracotte fino

Sembra veramente strano, ma è vero. È arrivato un nuovo tipo di gelato che

Raw tuna fish.

Il mare fonte inesauribile o quasi di risorse alimentari straordinarie, un mare italiano che

Quando si pensa alla cucina italiana, è facile farsi prendere dai sogni ad occhi aperti

fish soup

Curioso, ma quanto ma veritiero, nelle altre città di mare italiane, il brodo di

C’era una volta la gastronomia del negozio di fiducia, identità unica e indivisibile, luogo di

Al piano terra dell’hotel J.K. Palace, il J.K. Café è il regno dell’Executive Chef

toasted hazelnut chocolate butter

La gianduia o gianduja è forse uno dei prodotti inventati in Piemonte che, nelle sue varie

Le stazioni sono spesso vissute come luoghi asettici e di transizione. Dove il concetto

Cous Cous whit meat and vegetables

Linosa. E’ facile intuire che in un’isola al centro del Mediterraneo le principali specialità gastronomiche

TRANSLATE
error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici anche nei social dove da questo anno condividiamo storie, video, esperienze italiane di imprese e persone che amano e vogliono vivere questa meravigliosa penisola, contribuendo con informazioni utili.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati a Italia da Vivere e resta sempre aggiornato.