Capperi di Pantelleria: l’incredibile patrimonio siciliano nel bocciolo di un fiore straordinario

bowl of capers

Gusto amarognolo, essenza salina, note leggere vegetali. Un sugo di tonno o pesce spada non può farne a meno. Ma anche croccanti sono straordinari in un panino, biscottati in forno, abbinati magari a burrata, gamberi di mare italiano e una nota di agrumi.

La cucina italiana non può fare a meno di loro, sia nella tradizione che nell’innovazione. Sono i capperi di casa nostra, quelli di Pantelleria, eccellenza della nostra gastronomia.

Il potere evocativo di Vulcano, Lipari, Salina, Filicudi, Alicudi, Panarea e Stromboli, le sette isole a nord delle coste siciliane, ti conquista e ti lascia senza fiato. I colori straordinari del cielo, del mare e del territorio ti presentano uno scenario che incanta. i profumi dei fiori e di salsedine ti avvolgono completamente e il gusto prezioso e saporito dei loro prodotti tipici ti racconta una tradizione unica… come i capperi dell’isola di Salina che sotto sale si conservano fino a due o tre anni. I capperi sono i boccioli non ancora dischiusi dei fiori, raccolti manualmente e conservati rigorosamente sotto sale marino.

La particolarità della pianta del cappero è di fiorire e fruttificare per un lungo periodo; la raccolta dei boccioli e dei “cucunci” è contemporanea e si compie da fine maggio a tutto agosto.

Dopo la raccolta, si distendono i capperi su teli di juta e si lasciano asciugare al fresco, dividendo i piccoli boccioli dai capperoni e dai cucunci: i frutti della pianta.

Questi ultimi vengono anche usati da soli, per essere sgranocchiati durante un aperitivo o per accompagnare un piatto. Si procede alla salatura in fusti o in “tinedde”, ricavate da botti vecchie tagliate a metà, come la forma di una vasca, e si alterna uno strato di capperi a uno di sale marino grosso; devono essere travasati da una vasca all’altra, questo processo evita la fermentazione del sale con il calore. Dopo circa un mese sono pronti per il consumo, nella cucina d’autore non possono mai mancare!

Potrebbe interessarti

Big white mushroom porcini in autumn forest

Nel Cuneese, la preoccupazione della suocera di essere superata dalla nuora negli affari di

Anche se oggi molti scelgono l’Isola Azzurra, soprattutto per le sue frequentazioni, all’inizio della

Wheat field background in summer

Le origini di quello che è il grano arso risalgono ai tempi antichi quando

Romano nell’anima e nel cuore ma distante dalla romanità per quello stile così poetico

Soft nougat blocks with peanuts

Il torrone italiano è sinonimo di qualità, ricerca, tradizioni, ricette secolari. Molte città, tra

La medicina non è divertente ma c’è molta medicina nel divertimento”. È questo il

Selection of different ice cream scoops

La storia del gelato ha radici antiche, risalendo ai tempi dell’antico Egitto, Grecia e

La Torino di ieri, la Torino di oggi. Quella del secolo scorso si identificava

Escargot

I francesi le chiamano escargot, in Italia invece le conosciamo con il nome di

Da sempre il comune di Giarratana è noto per la produzione di cipolle straordinariamente

TRANSLATE
error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici anche nei social dove da questo anno condividiamo storie, video, esperienze italiane di imprese e persone che amano e vogliono vivere questa meravigliosa penisola, contribuendo con informazioni utili.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati a Italia da Vivere e resta sempre aggiornato.