Cervo italiano: simbolo di un patrimonio faunistico da preservare e valorizzare

Roe deer

Il cervo dei nostri boschi, delle nostre montagne, rappresenta il più grande mammifero ungulato italiano, diffuso sulle Alpi e Prealpi.

La sua caratteristica è di aver un maggiore ritmo di espansione rispetto alle altre specie, un fattore che rende sempre più frequenti gli avvistamenti anche nell’Appennino.

Fino al 18esimo secolo è stato diffusissimo in tutta Europa: parliamo di un territorio allora ricco di foreste, habitat ideale dei cervidi. Le modifiche apportate dall’uomo per ragioni demografiche e industriali, unite alla crescita dell’attività di caccia, portarono a una notevole riduzione della popolazione. In Italia nello specifico, già con il perfezionamento delle armi da fuoco (tra il 17esimo e il 19esimo secolo), si arrivò quasi alla sparizione della specie.

Belarus. Fallow Deer Or Dama Dama Grazes In Autumn Forest. Close Up Deer

Le successive misure di tutela e di reintroduzione evidentemente hanno dato i loro frutti visto che la popolazione italiana era considerata praticamente estinta nel secondo dopoguerra. Nel 2010, sono stati stimati circa 70.000 capi e la densità maggiore si ha sulle Alpi Orientali.

Di particolare interesse sono due specie di cervo presenti in Italia: quello sardo e quello della Mesola.

Il Cervo nobile è il più grande mammifero italiano. Gli esemplari adulti possono raggiungere 1,30 m di altezza al garrese e 2 m di lunghezza, con un peso che può superare anche 220 kg nei maschi. Le femmine sono in genere più piccole e snelle. Nonostante la loro mole sono agili e veloci, capaci di compiere balzi straordinari se spaventati, anche sul terreno più accidentato.

l loro habitat preferiti sono le grandi foreste di latifoglie e di conifere, dove spesso vivono riuniti in piccoli branchi misti; i maschi adulti al di fuori della stagione degli amori vivono isolati o uniti in piccoli gruppi. Erbivori, si cibano soprattutto di foglie, germogli o erbe, ma durante l’inverno, quando le risorse alimentari si fanno scarse, non disdegnano la corteccia degli alberi.

I piccoli, dal caratteristico mantello a macchie bianche, nascono in primavera e passano i loro primi giorni di vita in compagnia della madre, a distanza dagli altri cervi del branco.

Potrebbe interessarti

Sunset on the beach - Porto Recanati - Italy

Una baia ampia, lunga due chilometri che costituisce l’ultimo tratto della Riviera Romagnola prima

Tiziano nasce qui, tra queste montagne meravigliose. E l’artista con la sua fantasia, le

Il grande cuore degli Alpini in congedo, residenti nei comuni del Cadore: quel cappello

Locale curato con pizzeria nella piazza dove la pizza viene lavorata a mano e cotta rigorosamente

Per la maggior parte si concentrano intorno a quella che un tempo era chiamata

Colorful old buildings in a beautiful city of Desenzano on Lake Garda, Italy.

Desenzano sul Garda rappresenta una di quelle località che, lontane dal turismo di massa,

Montagne, paesaggi, storia. Più semplicemente natura. L’Italia ha da offrire scorsi e scenari straordinari,

La passione, la cura dei dettagli, l’amore per un “mestiere”, quello del pane, che

Young woman enjoying beautiful view on Verona city in Italy in the morning.

A Verona bisogna salire sulle colline a ridosso dell’ansa dell’Adige, nella zona chiamata Torricelle,

Sunset on the beach - Porto Recanati - Italy

L’odierna Porto Recanati è una graziosa località balneare, appena sotto il promontorio roccioso del

TRANSLATE
error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici anche nei social dove da questo anno condividiamo storie, video, esperienze italiane di imprese e persone che amano e vogliono vivere questa meravigliosa penisola, contribuendo con informazioni utili.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati a Italia da Vivere e resta sempre aggiornato.