RUBRICHE

Colli Lapio: dalle terre di Irpinia, uno dei migliori Fiano di tutta la Campania

Questa giovane azienda, fondata nel 1994, è la fonte di uno dei migliori Fiano prodotti oggi, se non il migliore. I vigneti perfettamente posizionati, a circa 500 metri sul livello del mare su un terreno argilloso fortemente calcareo e che beneficiano di ampie escursioni termiche giorno-notte, classificherebbero lo status di grand cru se esistesse un tale schema di classificazione in Italia”. 

La proprietaria-vignaiola Clelia Romano e sua figlia, Carmela, producono questo esempio da manuale di uno dei vitigni distintivi della regione Campania, il Fiano, da vigneti ricchi di argilla calcarea arroccati a circa 500 metri sul livello del mare. La fermentazione e il breve affinamento (circa otto mesi) in acciaio inox evidenziano il carattere floreale e fruttato dell’uva Fiano preservando l’essenza minerale sottostante del vino. Ma la decisione di invecchiarlo sui lieviti per circa la metà del tempo porta questo bianco elegante a un livello superiore, arricchendo il profilo aromatico e aggiungendo complessità materica.

I pendii battuti dal vento delle montagne campane ospitano alcuni dei vigneti più spettacolari d’Italia, coltivati ​​con varietà coltivate fin dai tempi degli antichi greci. La tenuta di Clelia Romano è da vigneti intorno al paese di Lapio, a nord-est di Avellino, considerato il “grand cru” zona di coltivazione del vitigno bianco Fiano. Questo vino, vinificato interamente in acciaio, è pura classe ed eleganza, con aromi di pesca e melone e una vibrante acidità che gli conferisce il potenziale per evolversi nel tempo in un vino dal colore dorato e minerale che riecheggia le qualità del grand cru Chablis .

Gestione del vigneto: Colli di Lapio è una tenuta biologica praticante. Viene seguito il controllo integrato di insetti e malattie e vengono utilizzati solo prodotti a base di rame e zolfo. Tuttavia, il clima ventilato e arido rende rari gli insetti e la muffa. La tenuta concima con letame biologico ogni due anni per garantire un raccolto di qualità. L’erba medica viene seminata tra i filari per fornire azoto al terreno e poi lavorata come sovescio. Ai vini viene aggiunto un minimo di zolfo quando escono dalla cantina per garantire freschezza e qualità.

POTREBBE INTERESSARTI