https://www.caporilliimmobiliare.it/ricerca-immobili/

𝘼𝙢𝙞𝙖𝙢𝙤 𝕒𝕚𝕦𝕥𝕒𝕣𝕖 ʟᴇ ᴘᴇʀsᴏɴᴇ 𝑎 𝑟𝑒𝑎𝑙𝑖𝑧𝑧𝑎𝑟𝑒 ᑭᖇOᘜᗴTTI 𝙞𝙢𝙢𝙤𝙗𝙞𝙡𝙞𝙖𝙧𝙞

Comprare casa rappresenta un passo importante nella vita di molte persone. Tra le diverse opzioni, quella di comprare casa su...

Quali sono i bonus casa che caratterizzeranno il 2023? Molti sono quelli confermati e, una notizia positiva riguarda, in particolare,...

Dinamica, piena di opportunità e ricca… anzi ricchissima. La professione dell’agente immobiliare è tutto questo e molto altro, perché è...

Il Superbonus sta per terminare. Passerà dal 110 al 70% dal 1° gennaio 2024. Un cambiamento vissuto con grande stress...

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato un documento che descrive le agevolazioni per i giovani under 36 che si apprestano ad...

Il 2023 è l’anno in cui entrano in vigore diverse novità che passano sotto il nome generale di Riforma Cartabia,...

La Legge di Bilancio 2022 ha prorogato il bonus mobili, agevolazione per l’acquisto di arredi e grandi elettrodomestici, per tutto...

Affittare un immobile con un impianto elettrico non a norma è impedito dalla legge per evitare problemi di sicurezza nello...

Lo scorso 2 febbraio la Bce ha alzato i tassi di interesse portando il tasso base al 3 per cento...

Quando si procede con una compravendita immobiliare, può accadere che l’immobile venga messo in vendita con una destinazione d’uso differente...

Offriamo assistenza post-contrattuale completa, occupandoci del reperimento della documentazione per la voltura delle utenze, gestendo rinnovi contrattuali, aggiornamenti ISTAT, variazioni...
Offriamo un servizio completo per la gestione immobiliare, dalla valutazione gratuita e sopralluogo, alla promozione su canali pubblicitari di spicco,...
Forniamo assistenza contrattuale personalizzata, selezionando la formula più adatta alle esigenze di ciascuna parte, redigendo contratti e allegati necessari, e...

Quali sono i requisiti da rispettare

L’articolo 5 della Legge sulle locazioni abitative (D.lgs. 9 dicembre 1998, n. 431) regolamenta il contratto di locazione a uso transitorio. Tale tipologia contrattuale, di natura transitoria per l’appunto, soddisfa le “particolari esigenze delle parti”, può avere una durata minima di 30 giorni e una durata massima di 18 mesi. La sua stipula conviene quando il locatario è una persona che necessita di un’abitazione per periodi di tempo limitati, principalmente per esigenze di studio o lavoro. Ma, nel dettaglio, il contratto di locazione transitorio quando si può fare? Vediamolo insieme.Come chiarito dal Sole 24 Ore in risposta a un quesito, “il contratto di locazione a uso transitorio – introdotto nell’ordinamento italiano dalla legge 431/1998 – è pensato per chi non vuole impegnarsi in un accordo pluriennale, avendo una durata massima pari a 18 mesi senza possibilità di rinnovo”. La stipula di questo particolare contratto di locazione è possibile a patto che si soddisfino determinati requisiti.

Quali sono le motivazioni per un contratto transitorio?

Il primo e più importante è l’esigenza transitoria, che deve essere dimostrata da almeno una delle due parti. L’esigenza transitoria deve essere provata “attraverso una dichiarazione e apposita documentazione” da allegare al contratto. Se tale esigenza non viene provata, il contratto transitorio si trasforma in un contratto ordinario 4+4. Un altro requisito riguarda il canone. In particolare, l’importo del canone di locazione, come stabilito da un decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, deve essere concordato nei Comuni con più di 10mila abitanti, a meno che la durata della locazione non sia inferiore ai 30 giorni. C’è poi la possibilità di stipulare contratti transitori con durata inferiore a 30 giorni senza l’obbligo di registrazione. In questi casi, “i canoni di locazione e la ripartizione degli oneri accessori (anche se sottoscritti in Comuni con più di 10mila abitanti) sono frutto della libera contrattazione tra le parti” e non c’è per locatore e conduttore “l’onere di allegare l’esigenza transitoria, che va comunque indicata optando fra le possibilità previste dall’accordo territoriale a cui si fa riferimento”.

Esiste infine la possibilità di stipulare un contratto transitorio per studenti universitari fuorisede, ossia iscritti a un corso di laurea o di formazione post laurea che risiedono in una città diversa da quella in cui è ubicato l’ateneo. Questo particolare contratto, rispetto al contratto transitorio classico, “prevede una durata maggiore, compresa tra 6 mesi e 3 anni, con rinnovo automatico di pari periodo alla prima scadenza”.

@Copiright

Diritti riservati

Condividi questa pagina