La penisola delle Eccellenze

Stamattina, dopo un buon caffè, gustato sul balcone tra il verde delle mie piante e il garrito dei pappagalli, decido di sistemare i cassettoni del mobile TV.

“Ma quanta roba c’è?”

Inizio a tirar fuori tutto: 

Giochi in scatola, brochure, quaderni, quadernoni e tante, ma tante cartelline. 

Le smisto. 

Alcune catturano la mia attenzione. 

Dimenticandomi di tutto il resto, sparso sul pavimento come se fosse passato un tornado, prendo queste cartelline e mi metto comoda sul divano. 

Ne apro una per volta.

Appunti di pedagogia, progetti laboratori…

È un attimo. 

Sono in aula. 

Un mega foglio bianco (i fogli pizza! Così li chiamano i ludotecari 😊) e bottiglie di tempera sono lì, per terra. 

Io e le mie colleghe ci guardiamo. 

Ci capiamo subito. 

Prendiamo le bottiglie e iniziamo a versare il contenuto colorato sul foglio. 

Così, come viene viene.

Iniziamo a ridere come matte😂

Colore ovunque! 

Suona la campanella. 

Noi siamo sparse per la classe. 

Chi seduta in terra, chi sotto la cattedra…

E siamo tutte colorate dalla testa ai piedi! 

Usciamo dalla classe. 

Sfiliamo di fronte al personale ATA. 

Stiamo facendo le serie 🤪

Firmiamo, “Ciao! A domani!”

Varchiamo il portone e??? 

La risata di gruppo nasce spontanea. 

Non so come, riusciamo a salutarci. 

Loro hanno le macchine parcheggiate a scuola. 

Io… 

“Sono venuta in treno oggi!”

Tra me e la stazione ci sono 500 metri e tante persone (più quelle sul treno poi).

Quanto ho riso! 

Non solo io😆

Finisco di sfogliare le cartelline, mi alzo dal divano e sistemo tutto. 

Chiudo il cassettone. 

Vado in cucina. 

Apro il frigo e…

“Olio e Sale, due fanciulli dell’alta cucina, incontrano Sedano e Carota al club della dispensa. Insieme decidono di partire per il Lago Pomodoro…

Preparo il pranzo. 

Giocando. 

Giocare mi emoziona e mi strappa sorrisi. 

E chi mi sta accanto, sorride di riflesso. 

E giocare, sorridere insieme, emoziona di più. 

Quante volte giochi durante il giorno?
Come ti senti quando giochi?

Ci racconti un tuo “Ho fatto…giocando e…”?