la penisola delle eccellenze

Tra le città più antiche dell’Umbria, Gubbio è sicuramente un paese affascinante ricco di fascino storico e testimonianze di epoca medievale. Il paese si trova in provincia di Perugia ed è tappa imprescindibile di quella che viene chiamata “La Via di San Francesco”, scenario e testimonianza della vita del Santo in uno dei luoghi più preziosi d’Italia.

La tranquilla cittadina di Gubbio, ricca di storia e monumenti, è una cittadina che vale la pena visitare.

Considerata tradizionalmente come “la città degli sciocchi” per via dell’antica abitudine di concedere la “patente dello sciocco” a chi percorre tre volte in una volta l’omonima Fontana, Gubbio è un luogo da vedere se ami lo stile medievale e gli itinerari artistico-culturali .

A Gubbio ci sono diversi monumenti, per lo più in pietra, da visitare: la cinta muraria risalente alla fine del Duecento che presenta alcune decorazioni e stemmi della città antica, il Palazzo dei Consoli che ospita il Museo Civico e il Palazzo del Podestà dove oggi ha sede il municipio.

La città di Gubbio possiede anche alcune belle chiese come S. Agostino , S. Domenico , S. Pietro e S. Giovanni , la Chiesa della Vittorina e la Basilica di S. Ubaldo . C’è anche un antico teatro romano della fine del I secolo a.C.

Per tutti gli amanti della buona tavola, la cucina tradizionale prevede il tartufo bianco , il “friccò” , una ricetta a base di pollo umbro servito con la “crescia” , il pane tipico di Gubbio, e il “pan caciato” con formaggio, pecorino o caciotta tagliato a pezzi.

La sua storia si distingue essenzialmente nel corso del Trecento, dove il piccolo borgo ha saputo prosperare e svilupparsi, ma le sue origini sarebbero molto precedenti, proclamandosi il comune più antico dell’Umbria. Proprio nel Museo Civico del paese, infatti, sarà possibile ammirare le Tavole Eugubine e i resti del Teatro Romano, testimonianza unica del suo antico passato.

Di rilevante importanza storica è sicuramente il legame indissolubile con San Francesco d’Assisi, divenuto tappa del suo cammino: è a Gubbio che il Santo fece il famoso incontro con il lupo divoratore, stipulando un patto di pace con i cittadini. Oltre a questo episodio, l’importanza di Gubbio fu fondamentale anche per la formazione del Santo stesso, dove crebbe spiritualmente.

Condividi articolo

Potrebbe interessarti

error: Il contenuto è protetto da copyright !!