la penisola delle Eccellenze

Nata nel 2001 per valorizzare e tutelare il grande patrimonio storico, artistico, culturale e paesaggistico dei piccoli comuni italiani, la rete “I Borghi Più Belli d’Italia” ha accolto 12 nuove località, una più suggestiva dell’altra, che hanno superato i 72 parametri di certificazione necessari: Alberobello (BA), Bellano (LC), Buccheri (SR), Calascibetta (EN), Campiglia Marittima (LI), Castelnuovo di Porto (RM), Crecchio (CH), La Maddalena (SS), Luserna (TN), Nocera Umbra (PG), Petritoli (FM), Pieve Tesino (TN).

Ci sono borghi già affermati che portano ulteriore notorietà all’associazione e altri che, pur essendo ugualmente affascinanti e ricchi di tesori, sono meno conosciuti e hanno bisogno del nostro traino per farsi apprezzare. In Trentino sono stati premiati Luserna – un piccolo paesino di montagna a sudest di Trento, immerso nella natura dell’Alpe Cimbra, dove si parla il cimbro – e Pieve Tesino, che sorge tra torbiere e boschetti e un bellissimo orto botanico ed è il borgo dove nacque Alcide De Gasperi e dove oggi si può visitare la sua casa-museo.

In Lombardia scopriamo Bellano, sulla sponda orientale del lago di Como, con i suoi edifici colorati. Si scende in Toscana fino a Campiglia Marittima per scoprire il suggestivo borgo medievale della costa degli Etruschi, in provincia di Livorno. La sua storia è segnata dalla presenza di giacimenti minerari e dall’estrazione di rame, piombo argentifero, ferro e marmo, essenziali per il commercio.