la penisola delle Eccellenze

Come da tradizione scattano il 29 gennaio (e fino al 31) i “Giorni della Merla”, da sempre considerati i più freddi dell’anno. Certo, causa global warming tante cose sono cambiate: è stato così anche lo scorso anno, nel 2020, quando ai tre celebri giorni si sono accompagnate temperature sopra la media, e picchi – registrati – addirittura di 14 gradi (al sole) in alcune città italiane.

I Giorni della Merla tra storia e leggenda
Sono due le versioni più note della celebre leggenda che avrebbe portato all’origine dei Giorni della Merla. A mente fredda, possono essere interpretate come una versione accelerata (e semplificata) della teoria dell’evoluzionismo: ma non è questo il momento per discuterne. La versione più scientifica, invece, rimanda ai giorni più freddi dell’anno per motivi di calendario: a conti fatti, siamo nel pieno dell’inverno.

Le due leggende più note
Vediamo ora le due leggende più note. La prima è quella che probabilmente tutti i bresciani conoscono: si narra che una merla e i suoi piccoli, a quel tempo di piumaggio nero come i maschi, alla fine di gennaio trovarono rifugio in un comignolo, da cui uscirono solo dopo tre giorni. Quando si allontanarono, però, non erano più neri: erano diventati grigi per via della cenere.

Questo a giustificare, dunque, la differente colorazione delle piume tra esemplari maschi e femmine. La seconda versione racconta dei dispetti che il mese di gennaio faceva a questa povera merla. Si divertiva, infatti, a farle patire il freddo ogni qualvolta che lei abbandonava il nido, in cerca di cibo. Stanca della fastidiosa situazione, ci fu un anno in cui la merla decise di fare scorta di provviste, per non lasciare il nido per tutto il mese.

A quel tempo il mese di gennaio durava solo 28 giorni: uscita dal nido alla fine del ventottesimo giorno, scatenò l’ira di gennaio che chiese in prestito tre giorni a febbraio. E in quei tre giorni fece piovere e nevicare, fece soffiare il vento a più non posso facendo crollare le temperature. Per lo stesso motivo di cui sopra, dunque, la merla trovò rifugio in un comignolo, dove rimase per tre giorni. Alla fine della tempesta le sue piume erano ormai tutte grigie.

Un’altra tradizione popolare
Un’altra leggenda popolare italiana fa sì che i Giorni della Merla siano utili anche per le previsioni del tempo a lungo termine. Se infatti in quei tre giorni le temperature sono miti, così si dice, allora significa che l’inverno durerà ancora a lungo. Se invece farà davvero freddo, allora l’inverno sta per finire, e la primavera non tarderà ad arrivare. Speriamo sia così, almeno quest’anno: e che la primavera spazzi via anche il maledetto coronavirus.