I Lambruschi Mantovani Doc: è la meravigliosa natura che fa la differenza

Red Wine

La denominazione Doc che c’è dietro un vino non è affatto sinonimo di causalità nella nostra Italia da Vivere. Stiamo parlando, come nel caso del Lambrusco Mantovano, di vini che non solo rappresentano una garanzia assoluta di qualità, ma i cui criteri di realizzazione corrispondono a percorsi rigidi, rigorosi, per arrivare a ottenere un riconoscimento così importante come la Denominazione di Origine Controllata. Il Lambrusco Mantovano Doc inoltre comprende ben due sottopone: quella dell’Oltre pò mantovano, sita a destra del nostro fiume più grande d’Italia, e quella del Viadanese-Sabbionetano, che rappresenta una zona di pianura più bassa, compresa tra i 13 e i 16 metri sul livello del mare. Importanti sono le temperature dei territori, perchè la loro peculiarità rende i due Lambruschi doc così speciali. Serve infatti un clima molto temperato, intorno ai 22 gradi, in estate, con un certo livello di umidità tipico della zona, che fa il paio con inverni rigidi. Tutto questo ce lo regala la natura ed è così da sempre per ottenere i vini migliori di questo categoria. La coltivazione della vite nell’Oltre Po Mantovano ha origini antiche. Già il poeta Virgilio, nativo di Mantova, descrisse l’esistenza della Vitis labrusca duemila anni fa, nella sua quinta Bucolica. La coltivazione della vite assume consistenza alla fine del secolo XI con i monaci benedettini nei territori dell’abbazia di Polirone a San Benedetto Po. Anche la coltivazione della vite nel Viadanese-Sabbionetano ha origini antiche come nell‘Oltre Po Mantovano. I Lambruschi per raggiungere una maturazione ottimale hanno bisogno di temperature elevate nel periodo estivo (aprile-ottobre). Solo in questo modo è possibile raggiungere la giusta maturazione e ottenere quelle caratteristiche organolettiche connesse agli elevati contenuti polifenolici e aromatici caratteristici di questa varietà e che condizionano fortemente la struttura, il corpo e tutta la valutazione sensoriale. Alcune varietà importanti per l’elevato contenuto antocianico sono ottenibile esclusivamente in questo territorio.

Potrebbe interessarti

Taralli or tarallini, copy space

La tradizione pugliese dei prodotti da forno non conosce confini e nasconde un valore

Marco, Davide, Gabriella, Anna, Valentina, sono solo alcuni dei local chef che, grazie alle

Woman hand holding a wine glass with red wine

Come succede con numerose altre varietà campane, anche con il Piedirosso ci troviamo di

Woman tasting wine on the vineyard

Uno dei vini bianchi più diffusi e apprezzati in tutta la zona adriatica è

Black grapes and a glass with red wine on plywood background

Il “Cruasé” di Isimbarda è un Metodo Classico Brut Rosé da pinot nero in

Flat lay of Appetizers and open sandwiches with Italian antipasti, camembert and wine

L’abbinamento pesce e salumi sicuramente è inconsueto, così come quello che prevede l’accostamento del vino rosso

Il Chianti Classico si abbina meglio a piatti italiani carnosi con salsa di pomodoro,

Red wine. Pouring red wine into wine glass on old wooden background

Il Cannonau è il vitigno più diffuso in Sardegna, da cui prende nome il

white wine and cheese

Il Fiano di Ciro Picariello è un vino bianco campano dal profilo fresco e minerale,

Un passito rosso intenso, dolce ma non troppo, dai profumi straordinari, realizzato con tecniche

TRANSLATE
error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici anche nei social dove da questo anno condividiamo storie, video, esperienze italiane di imprese e persone che amano e vogliono vivere questa meravigliosa penisola, contribuendo con informazioni utili.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati a Italia da Vivere e resta sempre aggiornato.