RUBRICHE

I prodotti dell’orto italiano: i piselli freschi, perla delle nostre terre fino a giugno

Sono un classico primaverile, reperibile da aprile fino a giugno. I piselli si dividono in due principali categorie, quelli da sgranare e i “mangiatutto”, o taccole, ma le varietà sono numerose.

La pianta, appartenente alla famiglia delle Fabaceae, o Leguminose, può essere cespugliosa o rampicante, ma anche semi-rampicante o nana e predilige i climi freschi.

Appena raccolti, nelle nostre terre italiane d’eccellenza, hanno sapore dolce e consistenza tenera.

Sono ricchi di vitamine del gruppo A, B, C ed E, contengono sali minerali (potassio, ferro, calcio e fosforo), proteine vegetali di buona qualità che li rendono adatti anche alla dieta di vegetariani e vegani. Hanno poche kcalorie (circa 70 per 100 g di parte edibile) e un ridotto contenuto di lipidi.

Contengono inoltre una grossa quantità di acqua, che li rende leggeri, facilmente digeribili e gli conferisce importanti proprietà toniche e diuretiche.

È importante acquistare un prodotto molto fresco, riconoscibile dal colore verde brillante del baccello. Quest’ultimo deve anche essere ben compatto e resistente alla pressione delle dita.

Dopo l’acquisto, potete conservare i baccelli interi all’interno del frigorifero per qualche giorno, meglio in una busta di carta e nello scomparto apposito.

Se invece preferite prima sgranarli, riponeteli in un contenitore ben pulito e a chiusura ermetica, per non più di 2-3 giorni.

I piselli freschi si possono cucinare in molti modi. Per non perderne il gusto, vale la pena cuocerli poco, facendoli semplicemente saltare in padella con poco olio o burro. 

Volendo, si possono insaporire con un trito di cipolla, oppure arricchire con del prosciutto. Perfetti da cuocere anche in umido, sono un ottimo contorno che sazia senza appesantire.

Lessati e poi schiacciati, sono un’idea per arricchire di gusto e colore le polpette, anche in alternativa alla carne.

Si utilizzano inoltre nella preparazione di zuppe e vellutate. Grande classico primaverile è la zuppa preparata con piselli, fave e cuori di carciofo.

POTREBBE INTERESSARTI