la penisola delle Eccellenze

A Roma la tradizione di mangiare pesce il venerdì, vuoi per osservanza religiosa dei giorni di astinenza dalla carne vuoi per consuetudine, si conserva ancora. Anzi, con l’arrivo di nuovi italiani, che si trasferiscono qui da altri continenti, si fa ancora più forte. E, ancora oggi, spesso il pesce in questione è il baccalà, sia panato e fritto, sia fatto al forno con frutta o cipolle, stufato con pomodoro e aceto oppure cucinato in una ricca zuppa con i suoi compagni ideali per i giorni di astinenza, i ceci.

Quella che vi raccontiamo tra le tante ricette a base di ceci e baccalà è forse la più semplice: bastano ceci, acqua, olio di oliva, cipolla, aglio e baccalà. Non è la più rapida, ma sono certa che potrete modificarla a vostro piacimento. Per prepararla si mettono 300 grammi di ceci a bagno in acqua per 24 ore, poi si mettono a bollire in nuova acqua che arrivi a coprirli, fino a farli diventare teneri. In una padella a parte, si fanno soffriggere in olio di oliva la cipolla fatta a cubetti e uno spicchio di aglio tritato fino a farli appassire e dorare; si aggiungono poi i ceci, l’acqua della loro cottura e 400 grammi di merluzzo salato e si fa sobbollire il tutto per 15 minuti.

Zuppa di ceci e baccalà

Preparazione: 24 ore
Cottura: 2 ore e mezza
Dosi per 4 persone

  • 300 grammi di ceci secchi, messi a bagno in acqua per almeno 24 ore
  • 1 cipolla sbucciata e sminuzzata
  • 1 spicchio di aglio sbucciato e tritato finemente
  • sale
  • 6 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 400 grammi di merluzzo sotto sale messo a bagno in acqua per 24 ore, cui cambierete l’acqua quattro volte, o trattato come indicato sulla confezione
  • Pane a tocchetti
  • Peperoncino
Ingredients for homemade Fish Cake cod, spinach, egg and breadcrumbs. Raw cutlets from minced cod.
  1. Scolate i ceci precedentemente lasciati a bagno, versateli in una pentola e aggiungete due litri di acqua; portate a bollore, poi lasciate cuocere per 1-2 ore, fino a che i ceci avranno raggiunto la giusta consistenza.
  2. In un tegame dal fondo spesso, fate soffriggere a fuoco basso l’aglio e la cipolla con un pizzico di sale in olio extravergine di oliva, per circa dieci minuti, fino a farli diventare morbidi e dorati. Aggiungete i ceci e un litro della loro acqua di cottura e fate bollire a fiamma vivace.
  3. Fate a tocchetti il baccalà e aggiungetelo alla zuppa in cottura, poi coprite con il coperchio avendo cura di lasciarlo in modo che non chiuda ermeticamente la pentola e lasciate cuocere per 15 minuti. A quel punto il baccalà avrà preso un aspetto opaco e si sarà aperto in fiocchi spessi. Assaggiate e regolate di sale secondo il vostro gusto. Se volete potete travasare una parte della zuppa, ridurla in crema con un mixer e poi aggiungerla di nuovo nella pentola per ottenere una consistenza ancora più vellutata.
  4. Preparate i crostini dorati friggendo il pane fatto a cubetti in olio extravergine di oliva fino a farli diventare croccanti e bruniti. Aggiungete un pizzico di sale. Se volete, infine, servite la zuppa guarnita con i crostini e un pizzico di peperoncino macinato.