Il meraviglioso mondo delle maschere veneziane: storia, cultura, folklore

Carnival mask on colorful blur background

La storia della maschera veneziana, simbolo di libertà e di trasgressione prima ancora che del Carnevale, a onda infatti le sue radici in tempi lontanissimi.

Tanto che gli artigiani specializzati, chiamati mascareri, possedevano un loro statuto già nel 1436 e nella seconda metà del Settecento una dozzina di botteghe dava lavoro a un gran numero di persone.

Tra le maschere storiche la più famosa è la Bauta. Indossata sia da uomini che da donne, è composta da una particolare maschera bianca che copre solo gli occhi e il naso, aprendosi a vela a livello della bocca, abbinata a un lungo mantello nero, il tabarro, e a un tricorno, pure nero.

Grazie alla sua semplicità veniva usata non solo a Carnevale, ma anche durante le feste e gli appuntamenti galanti da chi voleva mantenere l’anonimato.

C’è poi la Moretta, maschera ovale di velluto nero che si indossa trattenendola con la bocca grazie a un bottone interno.

Portata solo dalle donne, non permetteva né di mangiare né di parlare e per questo era chiamata dai veneziani “servetta muta”.

E poi ancora il Medico della Peste, con il suo becco da uccello, nata in occasione della drammatica pestilenza del 1630, e la Gnaga, una maschera con le sembianze da gatta indossata dagli uomini che volevano impersonare figure femminili.

Oggi le maschere veneziane sono veri e propri oggetti da collezione e sono realizzate da maestri artigiani nei materiali più diversi. 

Potrebbe interessarti

Le bellezze e il patrimonio naturalistico di San Vito di Cadore e del Lago

Sunrise in the mountains

Un fenomeno esploso negli anni del Miracolo Italiano – quando un popolo ancora in

Fennel plantation. Growing fennel

Il finocchio selvatico (Foeniculum vulgare Miller) è una pianta erbacea perenne che nasce spontaneamente soprattutto nelle

Con i suoi 768 m slm Rocca Priora  è il comune più alto dei Castelli

Coast of Salento at Gallipoli, Apulia, Italy

Quando i Greci sbarcarono per la prima volta su quest’isola toccando la costa del

A Siracusa ci sono due teatri popolari e famosi: il Teatro Greco e il

Aerial view of Scilla by night. Calabria, Italy.

Reggio Calabria comincia e finisce sul lungomare Falcomatà, “il più bel chilometro d’Italia” secondo

Nel 1907 il Principe Scipione Borghese vinse la Pechino Parigi a bordo di una

Tropea City in Calabria

A Sibari, una delle frazioni più importanti del Comune di Cassano All’Ionio, si trova il Parco

C’è un’antica tradizione artigianale che fa vibrare la provincia di Cosenza: è quella dei

TRANSLATE
error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici anche nei social dove da questo anno condividiamo storie, video, esperienze italiane di imprese e persone che amano e vogliono vivere questa meravigliosa penisola, contribuendo con informazioni utili.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati a Italia da Vivere e resta sempre aggiornato.