RUBRICHE

Ischia: non solo relax. L’isola selvaggia tutta da scoprire

Una classica giornata ad Ischia inizia in uno dei tanti bar che costellano l’isola tra un sorso di caffè e una chiacchierata con gli amici.

Accomodatevi mentre le strade e i vicoli si affollano di genitori che accompagnano i figli a scuola e di persone che si dirigono a prendere il pesce fresco direttamente dai pescherecci ormeggiati nel porto turistico. 

Se vuoi vivere Ischia come un locale, non è nemmeno necessario aprire il menu per scegliere cosa ordinare. Vai avanti e chiedi un cornetto . Basta addentarlo per rendersi conto che non stai mangiando un classico croissant. 

La variante locale è una soffice e profumata prelibatezza a base di pasta sfoglia e brioche ripiene con un po’ di crema pasticcera e amarene. Le codette che spesso ricoprono la superficie, sempre dorate e leggermente croccanti, cadranno sparse ovunque al primo morso. Irresistibile. 

Ischia non è solo spiagge, terme e borghi marinari trasformati in destinazioni chic. La vera essenza dell’isola è fatta di acqua e terra, mare e montagne. La cucina locale è l’esempio perfetto della sua doppia anima. 

Per quanto riguarda l’entroterra, Ischia nasconde alcune sorprese, con boschi fitti e rigogliosi e tanti sentieri per gli amanti della natura e del trekking.

Uno dei percorsi più avventurosi e suggestivi ti porta in un luogo magico di roccia limpida e silenzio. Si chiama Pizzi Bianchi ed è un angolo della Cappadocia nel cuore del Mar Tirreno.

Si attraversa un canyon solcato da gole profonde e strette, aggrappandosi a funi fissate alle pareti rocciose.

Non hai bisogno di molta preparazione atletica, solo buone scarpe e resistenza. Tuttavia, camminerai lungo una scogliera vertiginosa, quindi evitalo se soffri di vertigini. 

Dopo tanta fatica, concedetevi un bagno di fango in un’antica stazione termale conosciuta fin dai tempi dei romani, Cavascura , e un tuffo nelle acque della spiaggia dei Maronti . 

POTREBBE INTERESSARTI