La Carbonara e la tradizione della romanità: ecco perché la ricetta originale non tramonterà mai

Portion of Carbonara

La pasta alla Carbonara, indipendentemente da quale sia la sua storia vera e da dove provengano le sue origini, rimane uno dei piatti italiani più celebri al mondo e ahimè anche più bistrattati. Anche grandi chef, dal successo colossale, creatori di un impero, come il britannico Gordon Ramsey, negli ultimi tempi non hanno saputo valorizzarla. E sono passate alla cronaca le sue poco apprezzate trasformazioni con piselli, prosciutto, panna, prezzemolo e chi più ne ha più ne metta.

E’ anche vero che in fondo in cucina l’uovo come è una tavolozza bianca sulla quale disegnare, si presta cioè a diverse interpretazioni: dai salumi, ai formaggi, ai vegetali.

Ma la Carbonara Italiana, la Carbonara Romana, rappresenta un trinomio intramontabile di sapori che non andrebbero scalfiti. E non solo perché lo dice la ricetta cosiddetta “storica”. E dal momento che la storia non si tocca, dobbiamo rispettarla. Certo può essere una motivazione ma non è sufficiente. Il cuoco moderno, nel percorso delle eccellenze della gastronomia italiana, deve sì ripercorrere la tradizione, ma deve farlo con la consapevolezza della conoscenza.

Partiamo dall’uovo: oltre i 72 gradi anche il rosso, ovvero il tuorlo, e si sa che i romani scelgono di fare la carbonara solo con il tuorlo, cambia sapore, cambia struttura, cambia aroma. Una carbonara con l’uovo a frittata avrà un gusto più intenso, a tratti meno gradevole.

Occorre quindi realizzare una crema di uovo che altro non è che una sorta di zabaione salato.

Poi passiamo al pecorino: per molti, e non è un errore di quelli madornali, il parmigiano è meno salato e più delicato. Molti Chef non lo dicono ma mischiano parmigiano e pecorino. Ben vengano le varianti, ma l’odore grezzo di terra del pecorino, e la sua forza, rendono la carbonara quel meraviglioso piatto “popolare” che tutti amiamo.

Infine il guanciale: molti direbbero meglio la pancetta! Meno grassa, con più parte di muscolo, se se ne usa una pepata o piccante poi in fondo non male il risultato. Ma il guanciale offre al piatto, al pari del pecorino, quelle note intense che nessuna pietanza al pari della carbonara è capace di avere.

Tutto il resto, come diceva una famosa canzone di uno che la carbonara la adorava, ovvero il compianto Califano, è davvero noia. Ovvero inutilità.

Prosciutto cotto, piselli, prezzemolo e giammai la panna. Ma perché un quarto grasso? Ci pensate? In fondo con guanciale, pecorino e uova ne abbiamo già tre. Possono  bastare. Buona Carbonara Italiana a tutti!

Potrebbe interessarti

Nel cuore della sempre affascinante Prati, ha aperto i battenti un nuovo ristorante. In

Nord e sud accomunati dalle medesime tradizioni sulle tavole imbandite per le feste natalizie.

Soft nougat blocks with peanuts

Il torrone italiano è sinonimo di qualità, ricerca, tradizioni, ricette secolari. Molte città, tra

Composition of pile of blood oranges in a basket on a blue table background.

E ‘difficile costruire un percorso dettagliato mediante il quale gli agrumi sono pervenuti in

Frisella seasoned with tomatoes and herbs

Non chiamatelo pane duro, altrimenti il concetto sembrerebbe negativo, quando in realtà siamo di

“Babbaluci a sucari e fimmini a vasari nun ponnu mai saziari” (le lumache da

La gente dice che “Roma non è stata costruita in un giorno”… questo include

Fresh fish soup

Un mix di mare con pomodori per un piatto tradizionale, inventato dai pescatori per

Delicious tripe soup

Nata come straordinario taglio povero, la trippa è lo stomaco del bovino, una delle

Chocolate

La tradizione del cioccolato nella città sabauda è ancora oggi rappresentata da nomi storici

TRANSLATE
error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici anche nei social dove da questo anno condividiamo storie, video, esperienze italiane di imprese e persone che amano e vogliono vivere questa meravigliosa penisola, contribuendo con informazioni utili.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati a Italia da Vivere e resta sempre aggiornato.