RUBRICHE

La cucina italiana diventa sempre più social: e tanti appassionati sognano di diventare chef

È partita la rivoluzione per tutti coloro che amano la cucina. Una rivoluzione nata da Al.ta cucina, ad oggi uno dei principali editori social di cucina in italia, con un seguito di 5 milioni di appassionati. Tutto è partito da una pagina Facebook per arrivare all’ultima grande avventura: un social plus destinato a tutti gli amanti della cucina.

Quella lanciata dalla startup è una piattaforma social che si focalizza su un settore speciico e offre diverse funzionalità (un po’ come Linkedin per il mondo del lavoro). «Non esisteva un luogo dedicato dove gli appassionati di cucina potessero ritrovarsi e interagire tra di loro. All’interno della nostra community abbiamo percepito il bisogno di un’app studiata ad hoc, che potesse offrire un’esperienza sia sociale che d’utilità per appassionati di cucina» ha dichiarato Alessandro Tartaglia, co-founder di Al.ta cucina. Nell’app, deinita dagli utenti “l’instagram delle ricette” e progettata dal team di design & tech durante la pandemia, tutti possono condividere le proprie ricette, seguire i propri chef preferiti, imparare nuove cose oppure far crescere la propria community.

Un rapporto quasi d’amore, quello tra gli italiani e il cibo, confermato, ancora una volta, anche dalla ricerca condotta da Just eat insieme a bVA doxas. Secondo i dati raccolti, il cibo sarebbe al terzo posto dei pensieri più frequenti della giornata, con oltre l’80% degli italiani che lo pensa almeno una volta al giorno. il motivo? Semplice, il solo pensiero crea emozioni e sensazioni positive

POTREBBE INTERESSARTI