RUBRICHE

Servizi

La cucina italiana e gli aperitivi d’autore: si, ma con i piatti della nonna

La cucina italiana torna indietro. E guarda sempre di più al suo passato, un passato meraviglioso, fatto di storia, di cultura, di tradizione culinaria.

Un passato dove le grandi ricette delle regioni, quelle intramontabili, tornano a riempire i menu dei ristoranti e vengono riscoperte anche nella cucina di casa, dove le famiglie si divertono ai fornelli.

La cucina italiana è armonia, cultura, storia da rispettare, valori incredibili da insegnare alle nuove generazioni.

Nei locali di casa nostra va sempre di più l’aperitivo, ma costruito come una cena. L’apericena, termine che piace tanto negli ultimi anni, cambia però volto.

Torna di moda il genuino, la voglia di non sprecare, di usare ingredienti poveri e di grande qualità.

Basta poco per fare felici i commensali, per attirare un pubblico giovane che però ha voglia di assaggiare i piatti della nonna serviti in versione minimal.

E allora non può mancare mai il pane a tavola, fatto in casa, profumato, con le erbe, con le spezie.

Bocconcini di pane con le verdure, con lo spezzatino della nonna fatto in casa, con il baccalà più buono che piace a tutta l’Italia da Nord a Sud.

Gli spagnoli le chiamano tapas, è il nuovo modo di fare aperitivo. L’accompagnamento doveroso è un vino italiano, bianco o rosso poco importa.

Ecco a voi il nuovo modo di fare aperitivo, nella nostra Italia da Vivere.

POTREBBE INTERESSARTI