La leggenda delle Striare salentine e il fascino delle grotte marine

Il fascino di luoghi creati ad arte dalla forza della natura si fondono con le leggende e con la fantasia popolare, che permettono così di intensificare di mistero determinati luoghi e renderli ancora più belli agli occhi dei visitatori. Nella cultura salentina, nella bellissima provincia di Lecce, in antichità si pensava che le grotte, anche quelle marine, fossero abitate dalle Striare, ovvero le streghe, esseri comuni nel catalogo fiabesco che hanno trovato terreno fertile anche nell’immaginazione e nella tradizione popolare che le ha rese protagoniste di storie fantastiche, terrificanti, curiose, assurde. Le si nomina in continuazione nonostante non si innalzino più roghi per zittirle. Continuano a volare sulla loro scope nella notte, ridendo sulle teste dei comuni mortali che ne temono l’esistenza, ne percepiscono la presenza, ma che nessuno può dire di aver mai visto. Siamo sulla bellissima costa di Santa Cesarea Terme, ed è qui, nelle grotte e negli anfratti marini, che si nasconderebbero le streghe secondo la fantasia popolare. Secondo gli antichi, se provi ad ascoltare il rumore del mare che si infrange sulle rocce, in sottofondo puoi sentire il loro sibilo. Urlano, sbraitano, cacciano via chiunque osi violare la loro dimora. La fantasia si fonde con la realtà della natura, come detto: gli anfratti naturali creati dall’erosione della roccia hanno origini antichissime. All’ingresso delle grotte si possono trovare rocce appuntite, sembra quasi che siano gli artigli delle striare. In realtà siamo di fronte a uno scenario geologicamente molto particolare, che negli anni ha suscitato l’attenzione di studiosi e speleologi. Paolo Emilio Stasi, pittore di Spongano ma con la passione per la paleontologia, fu tra i primi che riconobbe l’importanza di grotta Romanelli (nonchè suo scopritore), uno degli anfratti naturali più belli della zona. Individuò un deposito di fauna pleistocenica all’interno della grotta delle Striare (dopo averla segnalata nel 1879) che sottopose all’attenzione di Ulderico Botti, pioniere dello studio paleontologico in Italia. Parte del deposito pleistocenico è ancora osservabile tra le diverse stratificazioni rocciose della grotta, e riemerge come chiazze chiare di varie dimensioni in depositi bruni e rossi.

Potrebbe interessarti

Castle of Salorno

Montagne che regalano scenari straordinari, figlie di una natura che nessun Paese al mondo

Un paesaggio sotterraneo straordinario. Tra formazioni terresti e corsi d’acqua che sgorgano nel sottosuolo.

Matera, Italy

Chapeau Matera! La Città dei Sassi, durante la decima edizione dei Traveller review awards

In Piemonte, a pochi chilometri da Torino, se vi trovate di passaggio in Piemonte

Woman enjoying beautiful morning cityscape of Rome

Il maggio di Roma è ancora più al centro dell’interesse degli appassionati di sport

Italian finocchietto

Secondo un’antica leggenda una goccia di smeraldo sgorgava da una delle colonne del Tempio

Female mountain biker pushing mountain bike uphill in landscape, Aosta Valley, Aosta, Italy

Con oltre 1.000 km di itinerari sterrati, la Valle d’Aosta offre una diffusissima rete

L’omaggio alla bellezza italiana è d’obbligo. Sì, perché l’Italia è il Paese in cui l’idea

Aerial drone flight over San Lorenzo Catholic church in Selva di Cadore village

Partiamo da Cortina, per raccontare le peculiarità di un territorio unico, straordinario, che ha

Italy, Verona, young woman with scooter looking at cell phone

Due nomi, Romeo e Giulietta, sono sufficienti a evocarla. Non bastassero gli eroi shakespeariani

TRANSLATE
error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici anche nei social dove da questo anno condividiamo storie, video, esperienze italiane di imprese e persone che amano e vogliono vivere questa meravigliosa penisola, contribuendo con informazioni utili.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati a Italia da Vivere e resta sempre aggiornato.