RUBRICHE

La Pinsa: nobili origini, per una focaccia straordinaria che è tornata sulle tavole degli chef

La Pinsa è il compimento di oltre 100 anni di competenza, creatività ed esperienza nella panificazione artigianale romana.

Pinsa deriva dal latino “pinsere” che significa “spingere la pasta con le mani”. Pinsa è descritta come una “nuvola” di pizza con una consistenza deliziosa e croccante all’esterno e un interno incredibilmente morbido e gustoso. Pinsa è realizzata con il gusto squisito del pane antico naturale nella sua forma ovale originale, che offre un’esperienza gustativa incredibile e una presentazione accattivante e distintiva. 

La Pinsa fa risalire le sue origini all’Impero Romano. Era considerato così delizioso che gli antichi sacerdoti lo offrivano agli dei. Il poeta Virgilio nella sua Eneide scriveva che i contadini della campagna romana impastavano cereali, sale ed erbe aromatiche per fare una “torta bassa e ovale” cotta sui carboni ardenti. Virgilio ha registrato che questo dolce facilmente digeribile fu uno dei primi cibi in cui l’eroe troiano Enea morse quando mise piede sulla costa laziale.

Oggi vogliamo condividere questo amato prodotto regionale, per eccellenza, caratterizzato dal gusto delizioso, dalla crosta croccante e dall’interno morbido.

La Pinsa è piacevolmente digeribile! L’impasto è composto da farine di riso, soia e frumento non OGM. Pinsa è un’opera d’arte culinaria e una rivelazione nel settore della pizza. È considerato un punto di svolta da molti ristoratori esistenti in tutto il mondo. Dato il suo gusto eccezionale, tutte le proprietà naturali e i benefici per la salute, siamo fiduciosi che Pinsa diventerà un pilastro anche nel mercato statunitense.

La facilità di digeribilità è dovuta a diversi fattori, tra cui il processo di fermentazione a freddo di 72 ore che scompone gli amidi, l’80-90% di idratazione e la semplicità di tutti gli ingredienti naturali. La perfetta “maturazione” è il risultato del nostro specifico metodo di lavorazione a freddo dell’impasto basato sullo studio delle temperature ottimali per ogni fase della lavorazione. Durante il periodo di maturazione, gli zuccheri complessi e le proteine ​​si scompongono in zuccheri semplici e aminoacidi, dando vita a un’esperienza digestiva deliziosa, incredibilmente facile e naturale.

La combinazione di farine di riso, soia e frumento non OGM contribuisce a rendere la Pinsa croccante all’esterno e sorprendentemente morbida e leggera all’interno. La farina di riso utilizzata nella Pinsa permette a questo impasto di avere un numero notevolmente inferiore di calorie e grassi rispetto alla tipica pizza.

La farina di riso nella Pinsa rivoluziona l’impasto per la sua capacità di assorbire l’acqua, favorendone la digeribilità. Per questo motivo, Pinsa utilizza meno farina di frumento, con conseguente minor quantità di carboidrati e calorie. La farina di soia contiene naturalmente le vitamine A, B e C, nonché i minerali calcio, fosforo, ferro, potassio e magnesio. La farina di soia è priva di glutine e aiuta a ridurre il colesterolo nel sangue.

POTREBBE INTERESSARTI