La porchetta parla anche campano con l’antica macelleria D’Alterio

Roasted pork

Senza nulla togliere al marchio storico e al valore nel mondo della porchetta di Ariccia, esiste una azienda, in Campania, e per la precisione a Caivano, in provincia di Napoli, che da oltre 40 anni lavora in modo straordinario la marinatura, il condimento e la cottura dei maiali. Sposando tradizione e modernità, abbracciando in modo equilibrato antichi sapori familiari del sud Italia con l’innovazione della tecnologia, ovvero la cottura prolungata e la bassa temperatura. Nel mondo della gastronomia italiana, tra le eccellenze della nostra Italia da Vivere, un posto importante lo occupa certamente l’azienda “Porchetta D’Alterio”, specializzata appunto nella preparazione della porchetta artigianale e anche del pulled pork come lo fanno gli americani da una vita. Tutto comincia nei lontani anni ’70 quando il maestro macellaio Federico D’Alterio, decide di unire, alla lavorazione della carne fresca, le prime tecniche di cottura, inaugurando quel filone che da oltre 30 anni in Campania e non solo è conosciuto come macelleria gourmet. In pratica da quando gli artigiani della carne, immaginando di facilitare la vita delle massaie, hanno cominciato ad aggiungere condimenti ai loro prodotti, arrivando a realizzare fagottini, hamburger, polpette solo da cucinare già impastate con macinato, uovo, pane, aromi. In pratica quando la macelleria ha abbracciato i pronti a cuocere, rivoluzionando un pò il settore. Antesignano, tra i tanti, del ruolo di macellaio-chef è stato proprio Federico, che con il figlio Francesco ha portato avanti l’attività in questi anni. Tutto è cambiato da quando fu acquistato il primo forno: da allora è nata la Porchetta D’Alterio, e poi il pulled pork, una spalla di maiale speziata con sentori di barbecue, che cuoce ore e ore fino a sfilacciarsi e ad essere morbidissima. Ideale per panini, ottima anche al piatto. Da oltre trent’anni Porchetta D’Alterio rifornisce anche altre macellerie, negozi di gastronomia, ambulanti, pub e tutti coloro che desiderano avere a disposizione porchetta fresca e di alta qualità.

Potrebbe interessarti

Le tradizioni non smentiscono se stesse, il passato può in alcune epoche sembrare dimenticato,

Formaggio e miele in una sfoglia croccate e golosa. Sono questi i due ingredienti principali

little portion struffoli

L’origine degli struffoli, oggi celebre dolce natalizio napoletano, è antichissima. Era ed è costituito

Different kinds of rice

Il riso Vialone Nano è uno dei più pregiati risi italiani. Estremamente versatile ma ideale per

Quando si pensa alla cucina italiana, è facile farsi prendere dai sogni ad occhi aperti

Fresh bread and butter.

Una rarità gastronomica che racchiude in tutto il suo essere la passione, la tradizione

Una tradizione antica, per uno dei sapori più rappresentativi del nostro territorio. C’è chi,

Pino Cuttaia, rinomato chef di Licata (prov. di Agrigento), due stelle Michelin, rappresenta un’eccellenza

Preserved Lampascioni, Tassel grape, on a plate close up

In dialetto salentino il termine pampasciune non è un complimento, si usa quando si vuol etichettare

Una nuova sfida per Carlo Cracco, chef pluristellato, grande gastronomo: l’apertura a Milano di

TRANSLATE
error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici anche nei social dove da questo anno condividiamo storie, video, esperienze italiane di imprese e persone che amano e vogliono vivere questa meravigliosa penisola, contribuendo con informazioni utili.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati a Italia da Vivere e resta sempre aggiornato.