L’antichissimo sedano rosso di Orbassano: ecco l’Italia delle specialità che guarda dall’alto il resto del mondo

La tradizione del sedano rosso a Orbassano è antica, risale al Seicento, quando la duchessa di Savoia, Anna Maria d’Orléans, sposa del re Vittorio Amedeo II, portò con sé dalla Francia il sedano violetto di Tours, più saporito e tenero di quelli coltivati al tempo in Piemonte.

Con il passare degli anni il sedano violetto francese si è ben acclimatato negli orti circostanti la città di Torino, soprattutto ai terreni ricchi di acqua della zona di Orbassano, e ha sviluppato il caratteristico colore rosso alla base delle coste e un sapore lievemente ammandorlato che lo rende molto interessante per l’utilizzo gastronomico.

Nei secoli ogni paese della cintura torinese acquisì una rinomanza per particolari ortaggi: Nichelino per l’insalata, Savonera per le rape e rapanelli, Santena per gli asparagi, Carmagnola per peperoni, Gassino per le carote, patate e cipolle, San Mauro per le fragole, Settimo Torinese per i cavoli, e Orbassano per i sedani rossi. Il sedano rosso si seminava a marzo aprile in pieno campo e si trapiantava a giugno-luglio per essere poi pronto dalla fine di settembre ai primi di novembre, quando si celebrava perfino una festa.

Per conservare e intenerire i sedani gli ortolani durante l’inverno si erano anche inventati un metodo ingegnoso: scavare delle fosse nel terreno a sezione rettangolare, in cui deporre i sedani rossi appena raccolti, in piedi, fosse profonde quanto le coste del sedano. Ricoprivano poi i sedani con fieno di erbe raccolte nelle aree paludose dei boschi di Stupinigi (dette impai) e, se le condizioni climatiche erano favorevoli, riuscivano a conservare i sedani fino a marzo.

Gli ortolani si davano appuntamento al mercato di Torino che, fino attorno al 1930 era in piazza Borgo Dora, davanti all’Arsenale (oggi della Pace) poi, negli anni ’30 vennero inaugurati “i Mercati Generali all’Ingrosso” in piazza Balilla, oggi piazza Galimberti, dove i loro prodotti venivano venduti ai dettaglianti. Ma gli ortolani di Orbassano erano presenti con la loro specialità anche sui mercati di Pinerolo, Avigliana, Giaveno, e si spingevano fino a Susa.

Potrebbe interessarti

Big white mushroom porcini in autumn forest

Nel Cuneese, la preoccupazione della suocera di essere superata dalla nuora negli affari di

Per chi conoscesse poco la cucina tipica salentina e vorrebbe colmare questa imperdonabile lacuna, oggi vogliamo parlarvi

La consistenza dei fiocchi di latte, un gusto a metà tra lo stracchino e

Fresh anchovies

Alici o acciughe è questo il dilemma, che spesso si pone nella scelta, al momento dell’acquisto,  mentre

Selection of different ice cream scoops

La storia del gelato ha radici antiche, risalendo ai tempi dell’antico Egitto, Grecia e

Storia, natura, architettura, divertimento: sono tantissime le motivazioni per le quali si sceglie di

Delicious rigatoni pasta with italian tomato meat ragu sauce served in a pan on dark brown

La pasta alla zozzona è un primo piatto tipico della tradizione gastronomica romana. Il

Trionfo della semplicità e cucina povera elevata ad immancabile street food, le panelle sono

Raw fresh anchovies fishes

Il pesce azzurro è un ingrediente non solo poco costoso, ma anche ricco di

Spaghetti dish with zucchini and mint

La Sardegna è terra di cultura, tradizioni infinite, soprattutto folklore. E laddove tutto questo

TRANSLATE
error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici anche nei social dove da questo anno condividiamo storie, video, esperienze italiane di imprese e persone che amano e vogliono vivere questa meravigliosa penisola, contribuendo con informazioni utili.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati a Italia da Vivere e resta sempre aggiornato.