L’artigianato salentino tra pietra, cartapesta, vimini e ferro battuto: ma che bella la nostra Italia!

Se siete stati in Salento oppure avete intenzione di andarci, vi renderete subito conto di quanto l’artigianato salentino sia una risorsa importantissima per questa parte d’Italia. Passeggiando tra i borghi del Salento e nei numerosi centri storici, non avrete difficoltà infatti ad incrociare antiche botteghe nelle quali, le abili mani degli artigiani, lavorano ancora incessantemente per produrre oggetti di straordinaria bellezza e valore.

L’artigianato salentino ha saputo mantenere vive le proprie tradizioni nonostante l’avvento della modernità, riuscendo a conservare i suoi tratti fondamentali e mescolarsi all’innovazione. Il vecchio e il nuovo si sono uniti tra loro riuscendo, ancora una volta, a regalare prodotti di alta qualità, specchio dell’arte popolare.

Nei negozietti o sulle bancarelle di Otranto, Leuca, Gallipoli, Lecce e in tantissimi altri centri salentini, troverete numerose idee regalo e altrettanti souvenir da riportare con voi in ricordo di questa meravigliosa vacanza. Noi ve ne consigliamo cinque!

La cartapesta è un materiale leggero, facile da lavorare e poco costoso, usato dai maestri cartapestai del Salento per realizzare soprattutto statuine. La tecnica di lavorazione di questo materiale è antichissima e risale addirittura al XVII secolo ed è stata utilizzata nel corso degli anni per realizzare soprattutto opere di carattere sacro. Se siete in cerca di personaggi per il vostro presepe, vi consigliamo di acquistare le bellissime statuine in cartapesta del Salento.

Il suo colore è caldo e delicato, mentre il suo interno è solido ed estremamente resistente. Stiamo parlando dei numerosi oggetti in pietra leccese: un materiale morbido e molto adatto alla lavorazione, soprattutto per creare finissime decorazioni, come potrete notare voi stessi, ad esempio, passeggiando nel centro storico di Lecce. Con questo materiale, simbolo dell’artigianato salentino, vengono realizzati innumerevoli oggetti come cornici, soprammobili, vasi, orologi e tanto altro, dovrete solo scegliere!

Incudini, martelli e forge sono ancora oggi gli strumenti utilizzati nell’artigianato salentino per lavorare il ferro. Una tradizione antichissima che si è affermata tuttavia in ritardo rispetto alle altre, a causa della necessità di dover fondere il ferro a temperature elevatissime per poi poterlo modellare, e all’inconsapevolezza di quanto questo materiale potesse diventare resistente una volta raffreddato. Attualmente troverete lampade, balaustre, candelieri e tantissimi altri oggetti pregiati in ferro battuto da riportare con voi.

Potrebbe interessarti

Il Museo e il Real Bosco di Capodimonte sorgono su una delle colline che incorniciano la

Il più straordinario pittore di corte che il Sud Italia abbia avuto tra il

Il panorama artistico della nostra Italia da Vivere, epoca per epoca, è talmente vasto,

A distanza di oltre due secoli dalla sua morte, il Giovane Favoloso, come tutti

Elena Pagani, lombarda di nascita, emiliana di formazione, siciliana di adozione, vive a Palermo

Storia, arte, cultura, immagini: dall’antica Roma a oggi, i mosaici sono simbolo di vita

Laureato in lettere moderne all’Università degli studi di Genova, Alfredo Gioventù, classe 1952, vive

Inaugurato il 19 marzo 2011, giorno d’inizio delle celebrazioni del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia,

Sostenibilità nel 2022 vuol dire davvero tanto. Non è solo l’argomento del momento. Il

Castel Sant'Angelo (Saint Angel Castle) - Rome, Italy

Mentre la maggior parte dei monumenti di epoca romana sono in rovina, lo straordinario Castel

TRANSLATE
error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici anche nei social dove da questo anno condividiamo storie, video, esperienze italiane di imprese e persone che amano e vogliono vivere questa meravigliosa penisola, contribuendo con informazioni utili.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati a Italia da Vivere e resta sempre aggiornato.