Le incredibili bellezze storiche della Pozzuoli di ieri e di oggi

Lungo la strada che dalla moderna Pozzuoli conduce all’antica acropoli di Cuma, si passa sotto l’Arco Felice una meraviglia dell’ingegneria di epoca romana. Un’opera stupenda e una grande testimonianza del nostro passato.
Una volta sotto l’immensa mole dell’Arco Felice passavano le legioni romane, oggi ci passiamo noi in automobile. Percorrendo via Arco Felice Vecchio noterete che non c’è asfalto ma solo i pietroni dall’Antica Roma.
Un’antica leggenda narra che chi passando sotto l’arco, baci la propria amata, sarà felice per tutta la vita.

Alto 20 metri e lungo 6 metri, l’arco fu realizzato sotto l’imperatore Tito Flavio Domiziano intorno al 95 d.C. per consentire il passaggio della via Domitiana attraverso il monte Grillo; un progetto che rientrava nel programma di potenziamento della rete viaria dell’impero.
La Domitiana, l’arteria di comunicazione più rapida tra Napoli e Roma, era una diramazione della via Appia (la strada che collegava Roma a Brindisi); partiva da Sinuessa (dalle parti di Mondragone), costeggiava il litorale Flegreo e si prolungava fino a Pozzuoli e a Napoli, mentre una diramazione minore conduceva a Cuma e a Miseno.
Un territorio di importanza strategica, Puteoli con il porto commerciale e uno dei più grandi mercati d’Italia, era infatti una città tra le più grandi dell’Impero; mentre a Misenum era di stanza la Classis Misenensis, una delle due principali flotte militari romane (l’altra era a Ravenna).
Per la sua costruzione gli ingegneri romani allargarono la gola che divideva a metà la collina chiamata Monte Grillo, scavata secoli prima dai greci. Fu realizzato in opera laterizia e rivestito da lastre marmoree, l’arco era costituito da un alto fornice, sormontato da due ordini di archi; i piedritti presentavano, su entrambe le facce, tre nicchie destinati ad accogliere statue.
L’opera che ammiriamo ancora, aveva la funzione di contenimento per frane ed eventuali smottamenti ma anche di viadotto di collegamento tra i due versanti del crinale del Monte Grillo. Col tempo assunse anche una funzione difensiva diventando la monumentale porta della leggendaria città di Cuma per chi veniva da Pozzuoli.

Potrebbe interessarti

View at Bay with tourist resort in gulf of Trieste near town Sistiana, Italy, Europe. Travel

Il Carso, territorio unico per la sua natura e per la sua storia, è un

La riscoperta del Belpaese passa dal giallo. Inteso come libro, prima, e come fiction

Hadid buildings at Citylife, Milan

Milano, epicentro tricolore del business, del lusso, della moda. Metropoli all’avanguardia, sempre più allineata

Il Parco Nazionale della Maiella, in Abruzzo, diventa Geoparco mondiale dell’Unesco con il nome

Il museo Irpino è il più importante della provincia di Avellino, per ricchezza e

Il Palio delle contrade si riallaccia alle antiche tradizioni medievali del borgo di Corropoli, in

La Costiera Amalfitana non è solo celebre per la sua gastronomia, per la natura

Bellagio town, Como Lake panoramic landscape and ferry boat. Italy, Europe.

Il Lago di Como è uno dei luoghi più visitati al mondo e non

Per alimentare i giochi d’acqua della Reggia e, più in generale, per soddisfare le

Come scriveva Kahlil Gibran: “L’arte degli italiani sta nella bellezza”. Bellezza da creare, da

TRANSLATE
error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici anche nei social dove da questo anno condividiamo storie, video, esperienze italiane di imprese e persone che amano e vogliono vivere questa meravigliosa penisola, contribuendo con informazioni utili.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati a Italia da Vivere e resta sempre aggiornato.