la penisola delle Eccellenze

Li chiamano lupanari, pompanari o campanari. Sono le leggende, molto più di fantasia che di realtà, che legano la tradizione popolare irpina, i territori in provincia di Avellino, a quella dei lupi mannari. Irpinia terra di montagne, irpinia terra di pastori, dove il nemico numero uno era il lupo. Ma il lupo è anche il simbolo di una popolazione fiera, bellicosa, legata ai valori della famiglia, dove il lupo è anche l’uomo di casa, il custode di una tradizione familiare patriarcale, antica, dove la donna era moglie e madre e dove chi lavorava nei campi o conduceva le pecore al pascolo aveva il rispetto di tutti. Le leggende dicono, sempre nella simbologia di questa visione di famiglia patriarcale, che la donna, la moglie non doveva in alcun modo mettere bocca negli affari del marito. Ovviamente siamo in un’altra epoca. E così si narra che una coniuge curiosa e pettegola, un giorno, a ridosso del Natale, volle seguire il marito nelle sue peregrinazioni notturne, pensando che andasse per locande, a consumare chissà quali tradimenti. La leggenda vuole che la donna curiosa fu sbranata dall’uomo che in realtà la notte vagava per le montagne perché si trasformava in lupo mannaro. Ovviamente rimane una storia di fantasia ma con un profondo senso di verità, di appartenenza a una cultura contadina dove il lupo ha simboleggiato sempre tantissimo nella tradizione popolare. Da allora, c’è ancora qualche nonno irpino che racconta queste leggende popolari ai suoi nipoti, che oggi sorridono nel rievocare queste favole che in fondo sono folklore e cultura della nostra Italia da Vivere. In Irpinia il lupo continua a simboleggiare l’animale delle montagne, la forza, il coraggio, di persone che hanno saputo fare del gruppo, del branco, della solidarietà, la loro arma migliore. Quell’abnegazione che le popolazioni del sud, cresciute con il lavoro, con il sudore della fronte, non hanno mai messo da parte. Storie di persone abituate a una vita semplice, ad accontentarsi di poco, legate alla propria terra e ai propri valori.