RUBRICHE

Servizi

Le meravigliose isole intorno a Venezia: spicca Murano, patria del vetro artistico

Sono una cinquantina, come frammenti di una manciata di terra gettata nello spazio liquido della Laguna e caduti in ordine sparso. Alcuni remoti altri vicinissimi al cuore dell’arcipelago, la città di Venezia. Di cui raccontano, origini, storia e forse il futuro. Isole quasi dimenticate o famose nel mondo, mete perfette in un tempo che ci impone la riscoperta della lentezza.

A cominciare dall’iconica Murano, l’isola che ha trasformato le fatiche e la perizia di un lavoro antico, quello del soffiatore di vetro, in arte assoluta. Qui, vasi, bicchieri e lampadari sono esposti negli showroom delle vetrerie più blasonate, insieme a tanti piccoli oggetti, ricordo veneziano per turisti, dai colori trasparenti e dalle forme fantastiche.

A raccontarne la storia millenaria ci pensa il Museo del Vetro (museovetro.visitmuve.it), nato nel 1861 grazie alle donazioni delle fornaci muranesi, arricchite nel tempo da pezzi preziosi, antichi e contemporanei. Vetri a parte, a Murano sono da vedere anche la bella Cattedrale veneto-bizantina dei S.S Maria e Donato, il gotico Palazzo Corner e la chiesa di San Pietro, che custodisce tele di Bellini e di Paolo Veronese. Risalendo la Laguna verso nord ci si lascia incantare dalle case dei pescatori di Burano, dipinte con colori accesi (perché, si narra, ciascuno al ritorno da lunghe assenze potesse riconoscere la propria da lontano). Ma il vero tesoro dell’isola è l’arte antica del merletto, insegnata alle buranelle in una scuola attiva fino agli anni Settanta e oggi sede del locale Museo del Merletto.

Oltre 200 preziosi esemplari ne documentano l’evoluzione dal Cinquecento al Novecento ed è possibile ancora oggi ammirare all’opera le abili maestre merlettaie che ne perpetuano la tradizione. 

POTREBBE INTERESSARTI