Le mille storie della carbonara, una sola grande verità: è il piatto simbolo della cucina romanacì

Autore

Tutta la storia dell’origine della straordinaria pasta alla carbonara e del suo posto nella cucina romana è ancora vaga. L’origine della carbonara è molto discussa, ma nessuno lo sa davvero. Ci sono diverse teorie in competizione, ma tutte sono aneddotiche.

Innanzitutto, sebbene pensato come un piatto tipico romano, si dice che il nome derivi da un piatto preparato sulle montagne appenniniche abruzzesi dai taglialegna che facevano la carbonella per il combustibile. Cuocerebbero il piatto su un fuoco di legna e userebbero le penne anziché gli spaghetti perché è più facile condirle con le uova e il formaggio.

In secondo luogo, e quello ovvio che dato il significato di alla carbonara , ecco lo stile dei carbonai, si dice che il piatto fosse un piatto consumato dai carbonai o che l’uso abbondante di pepe nero macinato grossolanamente ricorda i fiocchi di carbone.

Un’altra storia è che la carenza di cibo dopo la liberazione di Roma nel 1944 fu così grave che le truppe alleate distribuirono razioni militari costituite da uova in polvere e pancetta che la popolazione locale usava con l’acqua per condire la pasta secca facilmente conservabile.

C’è anche una teoria secondo cui nella Ciociaria, nel Lazio a metà strada tra Roma e Benevento, la pasta fosse condita alla napoletana con uova, lardo e pecorino.

Durante l’occupazione tedesca di Roma durante la seconda guerra mondiale, molte famiglie della classe media si dispersero da Roma in questa regione per sfuggire all’oppressione dell’occupazione e vennero a conoscenza di questo piatto. Nel dopoguerra la cucina romana divenne molto popolare in tutta Italia e questo piatto, ora trasformato in carbonara , ne divenne un esempio lampante.

Un’altra storia suggerisce che il famoso ristorante in Campo d’Fiori a Roma, La Carbonara, abbia preso il nome dalla sua specialità. Sebbene il ristorante sia aperto dalla prima parte del XX secolo, e in effetti abbia la carbonara nel suo menu, il ristorante stesso nega tale collegamento e ci dice che il nome è nato per altri motivi.

Una storia altamente improbabile raccontata ne Il nuovo cucchiaio d’argento (tradotto di recente in inglese come The Silver Spoon) è che il piatto fosse originariamente realizzato con nero di seppia e quindi prese il nome poiché era nero come il carbone. La storia più semplice, e quindi la più probabile, è che il piatto sia sempre esistito a livello familiare e nelle osterie locali prima che la cucina tradizionale romana prendesse il suo marchio di fama.

Condividi articolo

Potrebbe interessarti

error: Il contenuto è protetto da copyright !!