L’incredibile arte erotica scoperta a Pompei ed Ercolano

A group of tourists in Pompei
L’arte erotica a Pompei Ercolano è stata rinvenuta a seguito di una lunga serie di scavi archeologici iniziati nel XVII secolo, svoltisi in particolare attorno alle antiche città di Pompei ed Ercolano affacciate sul golfo di Napoli. Il sito è risultato esser pieno di arte erotica, sia in forma di affreschi che di sculture ed oggettistica il cui simbolismo fallico veniva accentuato con evidenza. Tutti questi reperti sono stati considerati dai loro scopritori come eminentemente pornografici, pertanto immediatamente occultati alla vista tramite teloni o rinchiusi in magazzini senza alcuna possibilità di accedervi da parte del pubblico, ma aperti solo su esplicita richiesta degli studiosi. Anche molti cosiddetti articoli per la casa o comunque di uso domestico, tra quelli recuperati, avevano chiari temi sessuali; l’ubiquità intrinseca di tali immagini ed oggetti indica che le usanze e i costumi dell’antica cultura romana erano molto più liberali rispetto alla maggior parte delle culture dei nostri giorni, anche se occorre sottolineare che molto di quello che a noi potrebbe sembrare esclusivamente immaginario erotico – ad esempio i falli eretti di grandi dimensioni – con tutta probabilità erano simboli richiamanti alla fertilità della Natura in senso lato, oltre che talismani portafortuna e beneauguranti. Lo shock culturale prodotto da tali scoperte ha portato, come detto, a far celare nuovamente la maggior parte dei reperti; ad esempio un affresco murale raffigurante Priapo, dio sessuale per eccellenza e col pene eccezionalmente dotato sia per dimensioni che per lunghezza, venne ricoperto con l’intonaco: quest’ultimo è venuto via soltanto nel 1998 a causa di una serie di abbondanti precipitazioni. Nel 1819, quando il re Francesco I delle Due Sicilie visitò la mostra dedicata a Pompei presso il museo archeologico nazionale di Napoli in compagnia della moglie e della figlia, rimase talmente imbarazzato per le opere di contenuto così esplicitamente sessuale da decidere di far raccogliere tutto all’interno di stanze apposite il Gabinetto Segreto, accessibile quindi solo “alle persone di età matura e comprovato rispetto nei confronti della moralità”. Questa situazione andò avanti per più di cento anni; l”arte proibita” è stata per breve tempo resa accessibile nuovamente alla fine degli anni 60, ma è stata riaperta definitivamente alla visualizzazione del pubblico soltanto nel 2000: ai minori di 14 anni non è ancora permesso l’ingresso e la visita da soli del reparto museale, ma solo in presenza di un tutore o con autorizzazione scritta.

Potrebbe interessarti

Andrea Granchi, artista, film-maker, curatore e docente, nasce a Firenze nel 1947. Si diploma

Italy flag. Italian flag on a pole waving on blue sky background

La bandiera italiana ha una data ufficiale di nascita, è il 7 gennaio 1797

Andrea Paris, 37 anni, è il mago prestigiatore diventato famosissimo durante l’ultima edizione del

Rose Garden

Curare le rose è un’arte, che richiede tempo, passione, conoscenze, uno studio profondo delle

In italiano, abbiamo infatti due forme o per meglio dire due registri quando ci

Nino Persone è di certo uno degli artisti italiani contemporanei più apprezzati in assoluto.

Nel corso dell’anno, sia nel capoluogo Viterbo sia in vari centri del territorio provinciale,

Il Museo Storico Militare di Palmanova è stato aperto al pubblico nel 1990 dal Ministero della Difesa

Un volto da ragazzina, dalla carnagione olivastra e dai lineamenti raffinati, di una purezza

C’erano una volta gli artigiani del dipingere: quelli che prima erano ragazzi di bottega,

TRANSLATE
error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici anche nei social dove da questo anno condividiamo storie, video, esperienze italiane di imprese e persone che amano e vogliono vivere questa meravigliosa penisola, contribuendo con informazioni utili.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati a Italia da Vivere e resta sempre aggiornato.