L’Italia da Vivere degli anni Sessanta e l’Arte Povera: riscoperta del senso più profondo dell’energia della terra

aerial view of red land

L’Arte Povera è un movimento artistico nato in Italia nella seconda metà degli anni Sessanta del Novecento, al quale aderirono soprattutto artisti torinesi. Il suo teorizzatore è stato il critico d’arte Germano Celant.

Il movimento rifiuta tecniche e supporti dell’arte tradizionale e fa ricorso a materiali non artistici, poveri e facilmente reperibili, naturali e industriali (terra, acqua, vegetali, legno, plastiche, stracci, scarti industriali, ecc.), proposti spesso sotto forma di installazioni per creare interazione tra il prodotto  artistico e lo spettatore.

Al contrario dell’arte tradizionale, l’Arte Povera non crede che il prodotto artistico sia sovra-temporale e trascendente: per questo utilizza spesso, provocatoriamente, prodotti vegetali destinati, ovviamente, a deperire. Obiettivo del movimento è ridurre il segno artistico all’essenzialità per riaffermare valori primari come il senso della terra, della natura, dell’energia, dell’innocenza.

Nel suo complesso, il movimento non è politicizzato, anzi rifiuta l’inserimento in qualsivoglia tipo di sistema. Per gli artisti poveri l’unico modo possibile per costruire un rapporto con il mondo è fare arte, manipolare gli elementi ed entrare in contatto con il pubblico. Solo così si fa anche politica, scienza, pensiero.

Presto riconosciuto anche a livello internazionale, il movimento dell’Arte Povera ha fra i suoi maggiori esponenti  Giovanni Anselmo, Alighiero Boetti, Pier Paolo Calzolari, Luciano Fabro, Jannis Kounellis, Mario Merz, Giulio Paolini, Pino Pascali, Giuseppe Penone, Michelangelo Pistoletto, Emilio Prini, Gilberto Zorio.

Potrebbe interessarti

Many old frame pattern background. Framing. Collection of old fashioned different art frames in shop

L’uomo al centro di tutto, il genio italiano come fulcro dell’arte, come fuoco dell’anima,

Negli anni si è rivelato un vero e proprio show man. Cantante, imitatore, monologhista,

Archeological park in Rome called tombe latine with an ancient piece of the Appia street

Il mito di Giano è molto complesso ed è uno dei più antichi del

Doll making process. A woman draws the eyes of a doll

Una collezione straordinaria, che racconta tutte le epoche attraverso un oggetto, le bambole, che

In Italia, nel periodo compreso fra il 1848 (anno della rivolta delle Cinque Giornate

Andrea Paris, 37 anni, è il mago prestigiatore diventato famosissimo durante l’ultima edizione del

Barocco Settecentesco

L’Italia da Vivere profuma di storia e di arte in ogni angolo: dalle grandi

Nelle grotte del Ponente inizia la storia dell’arte ligure, con le veneri e il

Beautiful view in Rome. Landmark photography about italian monuments

I vicoli di Trastevere sono le viscere di Roma. Da sempre luogo di osterie,

Il brano “Anima mia” dei popolari Cugini di Campagna, del 1973, ha portato moltissimi

TRANSLATE
error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici anche nei social dove da questo anno condividiamo storie, video, esperienze italiane di imprese e persone che amano e vogliono vivere questa meravigliosa penisola, contribuendo con informazioni utili.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati a Italia da Vivere e resta sempre aggiornato.