Beautiful old cobblestoned street amidst old colorful houses in Gamla Stan in Stockholm

Lo straordinario significato storico dei sampietrini romani

Autore

Ci sono molti luoghi iconici di Roma che vengono subito in mente quando si pensa alla città più visitata d’Italia: il Colosseo, la Fontana di Trevi, il Pantheon e il Vaticano sono tutti monumenti inconfondibili. Ma la maggior parte degli italiani potrebbe riconoscere la Città Eterna semplicemente guardando la strada sotto i loro piedi.

La maggior parte del centro storico di Roma è pavimentata con un unico tipo di ciottolato chiamato “sampietrini”. Si tratta di cubi di 12 centimetri di basalto nero, rifilati e disposti in file diritte o archi intersecanti su fondamenta di sabbia o terra, con la stessa sabbia o terra che riempie lo spazio tra ogni blocco.

La pavimentazione delle strade di Roma con i sampietrini iniziò nel XVI secolo e i primi ciottoli furono realizzati rifilando blocchi di basalto più grandi che erano stati usati per lastricare le strade dell’antica Roma. Più lisci e resistenti dei mattoni di terracotta, i sampietrini ricoprirono presto quasi tutte le strade della Roma medievale.

Il nome “sampietrini” sarebbe stato coniato nel 1725 da monsignor Ludovico Sergardi, prefetto della Fabbrica di San Pietro che sovrintende a tutti i lavori pubblici in Vaticano. Dopo aver notato le cattive condizioni della superficie di piazza San Pietro, dove la carrozza del papa era stata quasi ribaltata dalle buche, decise di pavimentare l’intera piazza con blocchi di basalto. Da San Pietro il nome si è evoluto lentamente in sampietrini (o, in dialetto romano, “serci”).

Condividi articolo

Potrebbe interessarti

error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici nei canali social

Attimi e curiosità da condividere