RUBRICHE

Servizi

Massa Lubrense: leggendaria perla della costiera sorrentina

Massa Lubrense è popolarmente conosciuta come la leggendaria Terra delle Sirene (da cui deriva il toponimo di “Sirenusion”). Le sirene vivevano lungo la costa e con le loro voci inquietanti e belle attiravano i marinai sugli scogli. Secondo la leggenda, Ulisse passò per Baia di Ieranto e vi costruì il tempio della dea Atena. La Baia di Ieranto o Baia di Ieranto, a Massa Lubrense, è uno dei rari luoghi italiani abitati fin dai tempi antichissimi, e l’unica insenatura intatta della Costiera Amalfitana.

Al di là della leggenda, i presunti aborigeni della zona erano due: Ausons e Osci, di cui, poco fa, è stata ritrovata un’iscrizione nei pressi della sponda orientale di Punta Campanella.

Il suo nome deriva dal vocabolo longobardo “mansa”, che definiva un’unità territoriale, con l’aggettivo “lubrense” relativo alla Chiesa della Madonna della Lobra, così chiamata perché edificata su un preesistente tempio pagano (delubrum, in latino).

Massa Lubrense è il centro climatico della Penisola Sorrentina . Ha forma triangolare e confina a nord-est con Sorrento , Golfo di Salerno a sinistra e Golfo di Napoli a destra. I golfi sono separati dalla cima di Punta Campanella (storicamente chiamata “Promontorio dell’Ateneo”) che si affaccia sull’isola di Capri . Questa splendida striscia offre fantastiche occasioni per escursioni sia via terra che sott’acqua.

Nel 1990 sono stati individuati 11 percorsi pedonali, a chilometri di distanza dal rumore, dal caos, dagli agglomerati urbani, tra limoni e ulivi. La passeggiata classica è un triangolo con i suoi punti in Termini , Monte San Costanzo e Punta Campanella. A seconda del tempo, della temperatura e di altri fattori si può fare la passeggiata in una direzione o nell’altra; qualunque sia il modo è semplicemente spettacolare!

Se sei interessato ai monumenti, ci sono tre meravigliosi punti di interesse.

Ex-Cattedrale: chiesa del 1512 e ricostruita nel XVIII secolo, che conserva un meraviglioso pavimento maiolicato del 1700 e, nell’abside, una Madonna attribuita ad Andrea da Salerno.

Chiesa di Santa Maria della Lobra: edificata nel XVI secolo con un magnifico portale e un soffitto a cassettoni del 1700.

A circa 7 km da Santa Maria della Lobra si trova la meravigliosa Cattedrale dell’Annunziata, rifatta alla fine del 1600, con uno splendido altare in marmi policromi.

Massa Lubrense si presta a qualsiasi tipo di produzione: potrete degustare sublime olio d’oliva, frutta fresca, pompelmo, latticini e formaggi. Ottimi pascoli alimentano ottime giovenche, dette “Vitelle di Sorrento” e anche il vino è incredibilmente buono: la tradizione di allevare la vite alla maniera dell’antica Grecia è ancora viva!

POTREBBE INTERESSARTI