Moravia, Parise, Hemingway: le montagne del Cadore ispirazione per i grandi scrittori della storia

Quelle montagne meravigliose hanno ispirato decine di scrittori della nostra storia letteraria. E poi sono state scenario di film, eventi, meta turistica di personaggi dello spettacolo. Vittorio De Sica ad esempio amava le dolomiti bellunesi del Cadore e ci portava ogni anno la famiglia.

Ma più che di sciatori, le valli hanno consegnato alla nostra memoria autori meravigliosi, le cui emozioni e la cui arte è ancora celata oggi nelle loro pagine.

La neve delle Dolomiti è lo scenario principe dei racconti di Alberto Moravia e Goffredo Parise», ricorda Roberta Scagliarini, editrice di Elleboro, che ha pubblicato la prima guida letteraria a Cortina.

«Con una differenza rispetto ai racconti classici del grande nord: la neve delle Dolomiti non ammanta paesaggi selvaggi, è la neve delle piste da sci». Le pagine più intense sul tema della sciata sono di Parise, che in «Accadde a Cortina» descrive velocità, odori e pulsazioni della discesa.

Ma anche il racconto incompiuto «La neve»: «Davanti a sé aveva la valle di Cortina d’Ampezzo dominata, su quel versante, dal Cristallo e dal Faloria. Magnifiche vette, iceberg d’ombra dietro cui appena si profilava il chiarore dell’alba». Andrea Zanzotto amava Cortina soprattutto d’inverno.

Giovanni Comisso, ricorda Scagliarini, scriveva lettere in cui dichiarava: «Sono stato in alta montagna tra un rifugio e l’altro, a sciare a pattinare a immergermi nella neve.

Avevo bisogno di freddo dopo tanto equatore e tropici».

E poi Hemingway, che sempre capeggia il pantheon autoriale cortinese, in «Fiesta mobile»: «Ci piaceva sciare fin da quando l’avevamo fatto per la prima volta in Svizzera e più tardi a Cortina d’Ampezzo nelle Dolomiti». E poi Dino Buzzati, Nico Naldini, Rolly Marchi, Milena Milani… Forse gli scrittori battono in numero gli sciatori.

The post Moravia, Parise, Hemingway: le montagne del Cadore ispirazione per i grandi scrittori della storia appeared first on Cadore 360.

Potrebbe interessarti

Along the cycleway of Fassa valley, Dolomites

La mugheta – la distesa di pini mughi – è uno degli elementi più

Summer landscape in Irpinia, Southern Italy.

Centro di vacanza, alle falde del Monte Terminio, la piccola Serino, riposante luogo di

Procida island, Naples, Italy, colorful houses in Marina di Corricella

A livello internazionale possiamo dire che uno dei più importanti film italiani è stato

Li chiamano Comeliani. Vivono lassù in Cina, nella vallata più orientale del Cadore. Uomini

La vita di una zagara, il bellissimo fiore bianco delle arance, è brevissima. Quando

Bergamo sarà la Capitale italiana della cultura 2023. Una città vibrante e moderna, un

Pieve di Cadore si erge strategicamente, come una gemma incastonata tra due Valli, quella

Il celebre scrittore Alberto Savinio una volta scrisse: “Il Paradiso d’altra parte non è

In Piemonte, a pochi chilometri da Torino, se vi trovate di passaggio in Piemonte

Maschio Angioino, anche conosciuto come Castel Nuovo, è uno dei simboli assoluti della città

TRANSLATE
error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici anche nei social dove da questo anno condividiamo storie, video, esperienze italiane di imprese e persone che amano e vogliono vivere questa meravigliosa penisola, contribuendo con informazioni utili.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati a Italia da Vivere e resta sempre aggiornato.