la penisola delle Eccellenze

La Mozzarella in carrozza sembra sia nata all’inizio dell’Ottocento e, come anche molti piatti della tradizione veneziana si trattava di una soluzione di recupero.

A Venezia è molto popolare nei bàcari ma venne ideata a Napoli come alternativa per usare il pane e la mozzarella avanzata.

Il piatto consiste in fette di mozzarella racchiuse dentro due fette di pane in cassetta (che fanno da “carrozza”), le quali sono passate nell’uovo e nel latte e poi fritte. Spesso le fette farcite vengono anche passate nella farina o nel pan grattato prima della frittura. Oltre al pan carré è possibile anche usare pane casereccio.

A Venezia è stata fatta una variante locale della mozzarella in carrozza, di forma rettangolare e realizzata con una mezza fetta di pane bianco per tramezzini tagliata a metà in senso verticale, con l’aggiunta di un’acciuga oppure una fetta di prosciutto cotto, mozzarella e l’altra mezza fetta di pane, il tutto intinto in una pastella lievitata e fritto. La mozzarella in carrozza alla veneziana ha un aspetto dorato e gonfio, grazie all’uso della pastella.

Su di lei non si discute: è la dama del regno degli antipasti, la signora del cibo di strada. La mozzarella in carrozza è uno di quei piatti il cui solo sguardo ti fa venire l’acquolina in bocca.

Quella che vi proponiamo qui è la versione veneziana della mozzarella in carrozza, diversa da quella napoletana perché:

•a Napoli le mozzarelle in carrozza contengono solo pane e mozzarella, a Venezia potete trovare anche acciughe o prosciutto cotto;

•nella ricetta partenopea si usa pane raffermo, in quella veneziana pane da tramezzini o pan carré;

•in Campania si passa il “panino” con la mozzarella nella farina, poi nell’uovo; a Venezia s’intinge il tutto in una pastella. In entrambi i casi, si frigge allegramente.

Quella che vi proponiamo qui è la versione veneziana della mozzarella in carrozza, diversa da quella napoletana perché:

•a Napoli le mozzarelle in carrozza contengono solo pane e mozzarella, a Venezia potete trovare anche acciughe o prosciutto cotto;

•nella ricetta partenopea si usa pane raffermo, in quella veneziana pane da tramezzini o pan carré;

•in Campania si passa il “panino” con la mozzarella nella farina, poi nell’uovo; a Venezia s’intinge il tutto in una pastella. In entrambi i casi, si frigge allegramente.

Mozzarella Cheese

Ingredienti

Per la pastella

•200 g di farina 00

•1 uovo

•½ bicchiere di latte

•½ bicchiere di acqua frizzante

•20 g di lievito di birra

•un pizzico di sale e pepe

Per le mozzarelle

•4 fette di pane da tramezzini o 8 di pan carré

•8 fette di mozzarella

•4 fette di prosciutto cotto o 4 acciughe

•olio di oliva

Preparazione

Prepariamo prima di tutto la pastella: sbattete l’uovo e mescolatelo con acqua, latte, lievito, sale, pepe e farina. Il risultato deve essere una pastella senza grumi. Lasciatela poi lievitare per circa un’ora.

Nel frattempo preparate le mozzarelle: tagliate a metà le fette di pane da tramezzini, adagiate su ciascuna una fetta di mozzarella.

Su metà delle fette, poi, mettete il prosciutto o un’acciuga. Chiudete le mozzarelle, passatele nella pastella e friggete in abbondante olio bollente.

Quando saranno ben dorate da entrambe le parti, saranno pronte per essere divorate.