https://tavoledigabriela.it/

Arte rappresentata in tavola

Attraverso culture, credo e religioni, si passa dalla lanterna simbolo di profonda comprensione religiosa dei monaci buddisti alla lanterna da...

Il nocciolo, che appartiene alla famiglia delle betulacee, è una pianta tipica italianaDopo il quinto-sesto anno dalla messa a dimora...

Nell’attuale territorio silano di Cotronei sin dall’età del bronzo c’era presenza di nomadi con i loro armenti nelle alture ricche...

Una usanza di Halloween è che i bambini vadano mascherati di casa in casa, chiedendo dolcini e caramelle o qualche...

Fare “piedino” è un modo intimo e divertente di flirtare.Di solito viene fatto di nascosto, il che lo rende ancor...

Ottenuto da uva di Gaglioppo Magliocco, Cabernet Sauvignon e Marlot in vigneti coltivati nel territorio del piccolo borgo di Carfizzi...

L’acqua che sotto forma di pioggia cade sui terreni, infiltra naturalmente il sottosuolo, dove si accumula nelle microscopiche cavità tra...

La Rosa, fiore di maggio, protagonista di un itinerario alla scoperta dei più bei roseti d’Italia con il percorso “nel...

Questa festività prende il nome dal martire Cristiano S. Valentino Vescovo Romano.Venne istituita nel 496 d.C per sostituire la festa...

I cristalli si formano per graduale solidificazione di un liquido o per brinamento di un gas.Il cristallo contiene ossido di...

Nella mitologia classica le ninfe sono divinità minori femminili, venerate dai Greci, come geni benigni.
Abitatrici delle fonti dei fiumi dei laghi delle foreste e dei Monti identificate dai Romani come divinità delle acque e delle sorgenti.
Per rimanere in tema pensiamo ad una pianta acquatica come la ninfea.
Con foglie galleggianti e fiori bianchi la ninfea è quel fiore che emerge dal fango in tutto il suo candore, simboleggiando la purezza e l’amore platonico.
Le ninfee furono il dono di Monet alla Francia come simbolo di pace.
I dipinti conservati nel museo dell’Orangerie sono di una bellezza mozzafiato.

Calamarata con pomodorini al forno e pesto di rucola

X4
360 gr di pasta
800 gr di pomodorini
50 gr di rucola
50 gr di spinaci
40 gr di parmigiano grattugiato
20 gr di pecorino
50 gr di semi di girasole
1 spicchio d’aglio olio sale e pepe
Tagliate a metà i pomodori stendeteli sulla placca del forno foderata con carta conditeli con sale e olio e infornate a 180 per 20-25 min.
Frullate rucola spinaci semi di girasole formaggi 1 spicchio di aglio e 6 cucchiai di olio sale e pepe e condite la pasta.

Tovagliette di Juta

Piatti ceramica italiana

Sottopiatti Maison du Monde

Bicchieri CRC

Vino Donna Giovanna Iuzzolini

@Copiright

Diritti riservati

Condividi questa pagina