Pittori contemporanei, Castellani il genio delle tele bianche

I pittori italiani del passato, che la storia ha reso celebri e immortali, che i quadri nei musei di casa nostra e di tutto il mondo renderanno eterni, rimarranno per sempre, nel mondo dell’arte della nostra Italia da Vivere, una traccia indelebile di un Paese che come nessuno al mondo, in ogni epoca, è stato capace di regalarci la mano di geni assoluti capaci di emozionare, di raccontare epoche, laddove la pittura è religiosità, racconti quotidiani, introspezione interiore, sofferenza, gioia, amore puro.
Il nostro rapporto con l’arte è complesso: la storia ci ha consegnato pittori così straordinari, che non è semplice, per un artista moderno, riuscire ad attirare le attenzioni del pubblico e degli appassionati più di quanto lo faccia il passato.
Eppure molti artisti attuali meriterebbero di essere raccontati, conosciuti, amati, apprezzati. Perché nessuno potrà mai scalfire il valore eterno di un Michelangelo, di un Giotto, di un Cimabue, di un Caravaggio, ma i pittori viventi o comunque scomparsi da pochissimo, della nostra Italia da Vivere, meritano la massima attenzione, e non solo da parte degli addetti ai lavori. Vanno quindi riscoperti e studiati.
Uno dei più importanti – e forse il più importante in assoluto – pittore italiano del Novecento sbarcato nel XXI secolo è stato Enrico Castellani. Ovvero, la parte razionale e riflessiva del connubio che a fine anni ’50 si instaurò a Milano con Piero Manzoni e Agostino Bonalumi (il primo scomparso già negli anni ’60, il secondo venuto a mancare da poco).
Castellani maturò un nuovo concetto di arte, contraddistinta da tele perlopiù bianche che venivano estroflesse introducendo vari oggetti al loro interno. Si creavano così delle superfici sbalzate, regolari, ma in cui la luce, cadendo da diverse angolazioni, dava effetti imprevedibili.
Usando chiodi e sagome di metallo o di legno, Castellani seppe già in quei primi anni crearsi una importante reputazione in ambito europeo. La critica lo salutò subito come il «padre del minimalismo» e della riflessione sul ruolo dell’occhio nell’interpretazione dell’opera d’arte.

Potrebbe interessarti

Il concetto che premette l’inizio e la fne di un susseguirsi ciclico del tempo

La riscoperta del Belpaese passa dal giallo. Inteso come libro, prima, e come fiction

La Puglia conosce un patrimonio di cultura, folclore e leggende molto vasto e interessante,

Il Gorgonzola DOP, uno dei formaggi italiani più conosciuti nel mondo, prende il nome dalla città italiana

Le curiosità della nostra Italia da Vivere, da Nord a Sud, sono davvero tante,

Pulcinella impersona il carattere napoletano in tutti i suoi aspetti, positivi e negativi. Dalla Commedia

Beautiful old cobblestoned street amidst old colorful houses in Gamla Stan in Stockholm

Ci sono molti luoghi iconici di Roma che vengono subito in mente quando si

Non a tutti è chiaro che il procione come animale coincide con l’orsetto lavatore e con quello che nel

Cake on a white lace

Come molte altre antiche tradizioni del Salento, anche quella del ricamo sopravvive a stento, in un’epoca nella quale non

Pacific Bottlenose Dolphin

Molti miti erano già conosciuti nella civiltà greca; dove a Poseidone, dio degli oceani,

TRANSLATE
error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici anche nei social dove da questo anno condividiamo storie, video, esperienze italiane di imprese e persone che amano e vogliono vivere questa meravigliosa penisola, contribuendo con informazioni utili.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati a Italia da Vivere e resta sempre aggiornato.