la penisola delle Eccellenze

Una città e il suo fiume, un rapporto indissolubile che ha reso Pordenone ciò che oggi appare agli occhi del turista: una realtà ancora molto legata al suo passato testimoniato dai palazzi, dagli affreschi, dai monumenti del suggestivo centro storico, ma pronta anche ad accogliere le sfide del presente e del futuro. La storia di Pordenone (l’antica Portus Naonis) è infatti ancora oggi legata al Noncello, corso d’acqua che per secoli è stato navigabile determinando lo sviluppo economico della città e contribuendo a creare una peculiare propensione all’innovazione, allo scambio e al confronto.

Dinamismo e creatività sono evidenti nell’architettura, nella produzione artistica, musicale e letteraria, nonché in tutti quegli eventi di respiro internazionale come “Pordenonelegge“, le “Giornate del Cinema Muto” o “Dedica Festival” che hanno reso Pordenone una realtà culturale ricca e originale nel panorama italiano e non solo.

Pordenone è una città bella, moderna, curiosa e divertente: è anche un bellissimo centro storico che si può percorrere a piedi per lasciarsi sedurre dall’eleganza dei palazzi dipinti e di porticati, dalla poesia degli affreschi che svelano la storia della città. Pordenone è anche la città che ha dato i natali a Giovanni Antonio de Sacchis (1484-1539), detto il Pordenone, il più grande pittore friulano del Rinascimento.

Dall’antico Palazzo del Comune, dalle originalissime forme gotiche, inizia Corso Vittorio Emanuele II, l’antica Contrada Maggiore, elegante via con lunghi portici, palazzi di grande interesse artistico, vetrine curate e caffè accoglienti.

Pordenone è anche natura: a due passi dalla città, sulla riva destra del Noncello si sviluppa la strada rivierasca detta Riviera del Pordenone, con pista ciclabile e ampio marciapiede da cui ci si può affacciare per ammirare una magnifica oasi verde. Un’altra ampia zona verde è Parco Galvani, che ingloba la residenza della famiglia Galvani costruita a fine del Settecento. La villa è stata restaurata ed ampliata da una nuova struttura che ospita il PAFF! Palazzo Arti Fumetto Friuli, un centro polifunzionale sulle arti del fumetto.

Il Parco ha una struttura regolare e ricorda i giardini delle ville venete con incluso un laghetto sulla cui sponda si sviluppa il MIRA – Museo Itineraio della Rosa Antica, un museo en plein air che attraverso un percorso pedonale permette di ammirare molteplici varietà di rose e rosai disposti in modo da ripercorrere la storia della rosa e il suo albero genealogico.