RUBRICHE

Servizi

Prosecco Doc: l’intramontabile aperitivo italiano d’autore

Il Prosecco Doc così famoso in Italia e, soprattutto, nel mondo, una delle nostre eccellenze assolute: vi siete mai chiesti cosa lo rende così speciale?

Anni fa si poteva pensare a un fenomeno passeggero, a una moda, una tendenza. Oggi il suo successo è una certezza, e la risposta è molto sempli-ce: si tratta di un prodotto di facile comprensione che affascina e conquista chiunque, dall’intenditore al neofita, dal consumatore occasionale a quello poco attento.

In due parole un vino piacevole e diretto, ma anche di qualità. Grazie a un attento lavoro sul territorio, alla tutela dell’identità dell’uva Glera e a un Consorzio che finora ha realizzato più di 300 milioni di bottiglie, il Prosecco Doc ha il vento in poppa, con un bouquet di note floreali e fruttate che conquista.

Amato dai giovani, per i quali molto spesso è il primo bicchiere in assoluto che hanno assaggiato, preferito dalle donne per l’aperitivo. E immancabile nel carrello della spesa, queste bollicine sono ottime anche a tutto pasto.

Come i jeans presenti in ogni armadio, così una bottiglia di Prosecco Doc non può mancare in frigorifero, simbolo del bere semplice secondo il raffinato e inconfondibile stile made in Italy.

È divenuto celebre nel mondo come il re dell’aperitivo, rito che si è ormai diffuso a livello internazionale, affermando uno stile tipicamente italiano.
Tuttavia, grazie alla variabilità del dosaggio zuccherino, esso si presta anche ad un consumo a tutto pasto, in particolare nella versione Brut.
Va servito solo, mai miscelato, e il segreto dell’abbinamento è saper coniugare la sua personalità elegante e mai invasiva con preparazioni che facciano emergere le materie prime, grazie a cotture che mantengano i sapori e i profumi originali.

POTREBBE INTERESSARTI