Quartiere Flaminio a Roma: punto di incontro straordinario tra passato e presente della Capitale

Autore

Nel quartiere Flaminio, suggestivo e affascinante punto di convergenza fra passato e presente della Capitale, si incontra il MAXXI, il museo d’arte contemporanea progettato dall’archistar irachena Zaha Hadid che ogni anno presenta mostre ed eventi davvero suggestivi.

Situato proprio di fronte al MAXXI e nato dalla riqualificazione di un’ex caserma, il Guido Reni District si compone di 23 spazi indipendenti di stile post-industriale e ospita mostre o eventi di vario tipo.

A poca distanza, ecco poi l’Auditorium Parco della Musica progettato da Renzo Piano.

Le tre sale interne, il Teatro Studio e la magnifica Cavea all’aperto ospitano alcuni tra i concerti più importanti della Capitale.

La Via Flaminia, che taglia l’omonimo quartiere, parte da Piazza del Popolo, che per la prima volta, alcuni anni fa, ha ospitato alcuni match degli Internazionali BNL d’Italia su un campo in terra rossa allestito per l’occasione.

È la stessa piazza nella quale il Presidente della Roma James Pallotta si è reso protagonista con un bagno nella fontana dopo l’incredibile vittoria contro il Barcellona.

Ed è la stessa piazza che si può ammirare nella sua interezza dal Pincio, uno dei punti panoramici più fotografati della città, all’interno di Villa Borghese, la grande area verde del centro cittadino che ospita il Concorso Ippico Internazionale di Piazza di Siena.

Concluso l’evento, i cittadini romani e i turisti potranno godere del prato e delle altre bellezze di Villa Borghese: dai musei ai giardini, dai Casini alle fontane senza dimenticare la Casa del Cinema, il Bioparco e il Silvano Toti Globe Theatre che in estate ospita rappresentazioni teatrali shakespeariane.

Condividi articolo

Potrebbe interessarti

error: Il contenuto è protetto da copyright !!