RUBRICHE

Servizi

Ruchè del Monferrato: il rosso delle Langhe che conquista i palati

Il Ruchè di Castagnole Monferrato è uno dei più recenti titoli DOCG del Piemonte , introdotto durante le ampie revisioni amministrative del 2010 e del 2011. Ciò ha fatto seguito all’interesse suscitato per la prima volta nel 1987 quando l’uva Ruchè, una relativa oscurità fino a quel momento, è stata insignita di una DOC dedicata tra le colline del Monferrato.

Il bacino di utenza del titolo copre sette comuni della provincia di Asti. Questi sono Grana, Montemagno, Portacomaro, Refrancore, Scurzolengo, Viarigi e il Castagnole Monferrato da cui prende il nome la DOCG.

Tutti si trovano sulle dolci colline appena a nord-est della città di Asti. L’ altitudine alla quale si trovano i vigneti varia a causa della topografia , ma la media è compresa tra 180 e 215 metri (600 piedi e 700 piedi) sul livello del mare.

Tutti i vini Ruché di Castagnole Monferrato devono essere prodotti con almeno il 90% di uve Ruchè; il restante 10 per cento viene lasciato aperto a qualsiasi abbinamento di Barbera e Brachetto . Questo produce un vino fragrante, leggermente floreale il cui colore rosso pallido smentisce il profilo tannico e la profondità del sapore quando ben fatto. Ai vini sono associate anche note di frutti di bosco aspri e spezie dolci. Questo stile iniziale è completato da un’acidità aspra , che il vitigno conserva in tutte le stagioni di crescita tranne che nelle più calde.

Ruchè, che si chiama Ruché, Rouchet o Rouché in Francia, o talvolta Rouche o Roche in Italia, è una specie di enigma, anche in Piemonte. Ci sono storie contrastanti su come sia arrivato nei vigneti della regione: alcuni dicono che sia un vitigno autoctono, altri credono che sia stato portato lì dalla Francia .

Comunque sia, le viti di Ruchè sono state coltivate e utilizzate per produrre vino in Piemonte per centinaia di anni, anche se i vini hanno appena iniziato a farsi strada fuori dal Monferrato. All’alba del nuovo millennio c’erano appena 50 ettari (125 acri) di Ruchè piantati, rendendo questo uno dei vini più esclusivi prodotti con qualsiasi titolo di vino italiano, DOC o DOCG.

POTREBBE INTERESSARTI