Sardegna fiore all’occhiello europeo dell’allevamento di ovini e caprini. Il latte sardo, dall’Italia, in tutto il continente

Autore

Ovini: in Sardegna sono presenti 3.019.108 capi, con una leggera flessione rispetto al 2016 (3.102.863) ed al 2018 (3.046.885). La provincia di Nuoro ne detiene il maggiore numero (25,5%), seguono Sassari (22,8%), Oristano (17,6%), Cagliari (14,5%) e le restanti province (19,6%). Nel periodo 2016-2019 la provincia di Sassari ha registrato la maggiore riduzione del numero di capi (-128.098) e quella di Oristano il maggiore incremento della consistenza (+19.805). Il comune con il maggiore numero di capi è Sassari (84.251).

Caprini: la consistenza è di 281.569 capi, in aumento rispetto al 2018 (278.976) ed in riduzione rispetto al 2016 (284.320). La provincia di Cagliari detiene il maggiore numero (26%), seguono Nuoro (20,9 %), Ogliastra (15%), Carbonia-Iglesias (11%) e le restanti province (27,1%). Nel periodo 2016-2019 la provincia di Sassari ha registrato il maggior decremento della consistenza (-6.962), mentre quella di Nuoro il maggiore incremento (+3.209). Il territorio di Iglesias detiene il maggiore numero di caprini (7.136).

Bovini da latte: sono registrati 48.944 capi, con una flessione rispetto al 2016 (50.599) ed al 2018 (49.056). La provincia di Oristano ha il maggiore numero di capi (36.660) ed un’incidenza percentuale sul totale sardo pari al 74,9%; seguono la provincia di Sassari (13%) e le restanti province (12,1%). Nel periodo 2016-2019 la provincia di Oristano ha registrato il maggior decremento (-768), mentre la provincia di Cagliari ha mostrato il maggiore incremento della consistenza (+157). Il comune con il maggiore numero di bovini da latte è Arborea (31.732).

L’analisi conferma la Sardegna leader in Italia nell’allevamento ovino e caprino, con una consistenza di capi allevati pari rispettivamente al 57,13% ed al 41,67% del totale nazionale.

Produzione e trasformazione: 

In Sardegna viene raccolto il 68,92% del latte ovino ed il 57,30% del latte caprino prodotto in Italia. Il 10% del latte ovino raccolto in Europa è sardo. La produzione regionale di formaggi ovini e caprini è stimata in 60.000 tonnellate, di cui circa 30.000 DOP (Denominazione di Origine Protetta).

La quota di latte vaccino raccolto in Sardegna rappresenta l’1,73% del totale nazionale. Una quota considerevole di prodotto è lavorata dalla cooperativa Assegnatari Associati Arborea (OR), azienda al 6° posto tra gli acquirenti di latte in Italia.

Arriva dalla Sardegna il 10% del latte ovino raccolto in Europa, percentuale che sfiora il 70% a livello nazionale. Nell’isola, dove si allevano oltre tre milioni di pecore (il 57% dell’intero patrimonio ovino nazionale), si producono 60 mila tonnellate di formaggi ovini e caprini, di cui la metà a Denominazione di origine controllata (Dop). È quanto emerge da un’analisi dell’agenzia regionale Laore sugli allevamenti e la produzione dei comparti ovino, caprino e bovino da latte. Lo studio, basato su dati dell’anagrafe zootecnica del ministero della Salute, dell’Istat e della Fao, conferma la Sardegna regione leader nei primi due settori.

Il numero di capi ovini registrati a fine 2019 nell’isola è in lieve calo rispetto agli anni precedenti. La maggior parte (oltre il 25%) è concentrata nel Nuorese, seguito dalle province di Sassari (con circa il 23% dei capi), Oristano (17%) e Cagliari (14%). Il calo più rilevante, nel periodo 2016-2019, risulta nel Sassarese, che ha perso oltre 128 mila capi, mentre nell’Oristanese si registra un aumento di quasi 20 mila pecore. Il comune col più consistente patrimonio ovino è Sassari, con oltre 84 mila capi.

Dove pascolano capre e vacche

Quanto alle capre, in Sardegna ne pascolano poco più di 281 mila (circa il 42% del totale del patrimonio caprino nazionale), in aumento rispetto al 2018, ma in calo rispetto al 2016. La maggior parte è allevata nel Cagliaritano (26%). Seguono i territori del Nuorese (quasi il 21%), Ogliastra (15%) e Sulcis-Iglesiente (11%). Nel periodo 2016-2019 la provincia di Sassari ha registrato il maggior decremento della consistenza (-6.962), mentre quella di Nuoro il maggiore incremento (+3.209). Il territorio di Iglesias detiene il maggiore numero di caprini (7.136).

Riguardo al comparto bovino, i capi registrati in Sardegna sono poco meno di 49 mila, in calo rispetto al 2018, concentrati nell’Oristanese, dove se ne contano ben 36.660, pari a quasi il 75% del totale. Segue la provincia di Sassari, col 13% Nel periodo 2016-2019 la provincia di Oristano ha registrato il maggior decremento (-768 capi), mentre la provincia di Cagliari ha mostrato il maggiore incremento della consistenza (+157). Il comune sardo con il maggiore numero di bovini da latte – conferma lo studio di Laore – è Arborea (31.732), in provincia di Oristano. Qui ha sede la cooperativa 3A- Assegnatari Associati Arborea, azienda al sesto posto tra gli acquirenti di latte in Italia.

Condividi articolo

Potrebbe interessarti

error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici nei canali social

Attimi e curiosità da condividere

powered by Advanced iFrame free. Get the Pro version on CodeCanyon.