Sartoria Omega, guanti da un secolo nel cuore di Napoli

Tool for tailor

Pochi lo sanno ma Napoli è stata ed è ancora la capitale del guanto, sia per famiglie, con capi tradizionali, che di classe per alta moda. Ed esiste, nel cuore della città partenopea, da quasi un secolo, nello storico quartiere Sanità, in via Stella 12, uno dei più suggestivi e popolari della città, una sartoria che ha fatto la storia della produzione di questo capo di abbigliamento, utilizzando nel tempo sempre i migliori pellami e rifiniture di pregio, come ad esempio imbottiture in cachemire o in lino per guanti estivi per “dame” e signore dell’alta società. Le attrici, le nobildonne, indossavano sempre guanti della Sartoria Omega. Siamo arrivati oggi alla quinta generazione: l’attività è sempre saldamente nelle mani della famiglia Talarico, che nel tempo non si è fermata ai guanti, ma ha prodotto anche straordinari ombrelli sartoriali. Unici nel loro genere, con manici pregiatissimi in legno di ciliegio o bambù. Perché anche l’ombrello può diventare arte pura. Totò. Peppino De Filippo, i grandi attori della cultura partenopea, si sono serviti dai fratelli Talarico. Ma tornando ai guanti, in un percorso di grande equilibrio tra passato e presente, Sartoria Omega ha cominciato la sua brillante attività nel lontano 1923. Ed è oggi sempre di più un simbolo tra le botteghe storiche di Napoli nella nostra Italia da Vivere. Mauro Squillace e suo figlio Alberto sono gli attuali eredi di una guanteria fondata nel 1923. Situato come detto nel popolare quartiere della Sanità, il piccolo laboratorio di Omega è in realtà un appartamento. I clienti entrano come da un amico. Mauro offre il caffè e presenta il lavoro meticoloso degli artigiani del guanto napoletano. Per raggiungere il guanto finito, 25 operazioni sono necessarie (ed altrettanti controlli di qualità), dal taglio della pelle – che richiede tre operazioni diverse – fino alle finiture. Le pelli pieno fiore sono selezionate personalmente da Mauro Squillace, le fodere in cachemire sono lavorate in un piccolo laboratorio vicino al Vesuvio e le fodere di seta sono più dense e più resistenti.

Potrebbe interessarti

Il Consorzio di Tutela della Pasta di Gragnano IGP nasce nel 2003 con l’obiettivo di

Arte, creatività, fantasia. Storie avvincenti di personaggi che hanno segnato un’epoca e ammaliato intere

Autumn blue and black berries fruit vegan salad: blueberries, blackberries, grapes, figs

Leader italiano e tra i primi posti in Europa, per fatturato: la Sant’Orsola cresce

Glass of water with ice cubes.

La storia di Acqua Lete, che fa capo a Sgam (Società generale acque minerali)

Il Salone del Mobile di Milano è una piattaforma internazionale in cui ogni anno

Non solo pernottamento. In provincia di Asti un angolo dedicato alla cura del corpo

Nata nel 1830 per volere di Michele Giuntini, banchiere fiorentino, La Parrina è adesso

Antipasto background.Traditional Italian appetizers with red wine.

Negli anni ’70 i Lombardo, nelle campagne di San Cataldo e Caltanissetta, erano mezzadri.

Shoes for sale

Artigiani italiani dal 1942, creatori di scarpe d’autore: sono i Fratelli Rossi, esponenti di

La Lombardia che lavora e fa lavorare, la Lombardia dove anche nei momenti di

TRANSLATE
error: Il contenuto è protetto da copyright !!

Seguici anche nei social dove da questo anno condividiamo storie, video, esperienze italiane di imprese e persone che amano e vogliono vivere questa meravigliosa penisola, contribuendo con informazioni utili.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati a Italia da Vivere e resta sempre aggiornato.