la penisola delle Eccellenze

DRIIINNN

La suoneria del telefonino mi ricorda che

“Mi sono dimenticata di richiamare la mia Amica!😱”

Inspiro, premo il tasto verde e…

“Sìlosoaspettavilachiamatadueorefascusa”

(la tecnica del tutto attaccato funziona sempre😉)

“Eh??? Vabbè lascia stare…
Che hai fatto che sei elettrizzata, euforica?”

“Corretti! Termini corretti anzi correttissimi! Fantastico!!! Prossima settimana ci torno!”

“Si può sapere dove? Mi dici che hai fatto???”

“Sì sì ecco. Sono andata al…?”

“Al???”

“Supermercato!!!
Supermarket Park!”

Sento dall’altra parte un sospiro di rassegnazione…
Vabbè, continuo.

“Pochi centimetri dalla scritta ENTRATA…due porte, ma enormi eh?”

“Le porte automatiche 🤦🏻‍♀️”

“Ma quali porte automatiche…quelle sono magiche! Ho pronunciato Apriti Sesamo! E si sono aperte! Poi…”

“Si sono richiuse?!”

“Sì, sono magiche, te l’ho detto. Comunque…davanti a
me un enorme cesto di ferro con le ruote”

“Il carrello”

“Cesto di ferro con le ruote. Serve per metterci tutti gli oggetti trascritti sulla lista. Alcuni misteriosi.”

“In che senso misteriosi?”

“Eh, che solo alla fine scoprirai se sono uguali uguali alla foto”

Un altro sospiro

“Dicevo… Tu devi mettere gli oggetti misteriosi in questo cesto di ferro con le ruote. Ma gli oggetti misteriosi dove saranno? Devi cercarli. Alcuni sono nascosti nelle pareti del labirinto”

“Le pareti di cosa???”

“Del labirinto. Pieno pieno di stradine, di ostacoli…
Tu devi essere molto attento, devi guardare ovunque per riuscire a scovarli. Ogni tanto ti viene concesso un aiuto”

“Da chi?”

“Non lo so come si chiamano, non gliel’ho chiesto, però sulle armature hanno dei messaggi per gli esploratori. Il primo che ho incontrato mi sembrava una statua: se ne stava fermo, immobile davanti una parete del labirinto e fissava un punto non definito.

Aveva la scritta STAFF.

Un messaggio in codice, sicuro.

STAFF… STAFFERMOUNGIRO!

Ok, sto ferma un giro. Intanto osservo anch’io la parete del labirinto.

Non era STAFFERMOUNGIRO.

Il messaggio mi stava dicendo
STAFFRAL’OLIO E L’ACETO.

Trovo il primo oggetto misterioso e continuo.

Mi guardo a destra, a sinistra e… TROVATI!!! Trovati tutti!

Ora dovevo soltanto capire come uscire da quel labirinto.

Dopo non so quanto, tra sentieri gelati, stradine di semola, colline di colombe pasquali…

Una immensa corte interna 🤩

Ci siamo…

Un ultimo ostacolo da superare.

Una lunga fila di formiche mangioquellochesimuove.

Avanzo lentamente.

Non appena si girano, mi fermo.
Immobile proprio.

Loro camminano e io avanzo.

Si girano di nuovo e io mi fermo.

Manca poco a 1 2 3 Stella!!!

Sono in cassa!!!

Prendo tutti gli oggetti misteriosi dal cesto di ferro con le ruote.

Li metto sul tappeto di Aladin.

Uno per volta scivolano sui rullo di tamburo!!!

Orgogliosamente ripongo il tesoro nel baule che alzo come un trofeo…

Arrivo a casa e…ora il trofeo è in bella vista in cucina🤪”

Sento dei rumori strani dall’altra parte del telefono…🧐

“Ci sei?
Che sono questi rumori?”

“Ho messo in viva voce subito dopo STAFF STAFFERMOUNGIRO!

Non riusciamo a smettere di ridere!

“Ma chi c’è?”

“Mio marito e i ragazzi.
Hanno detto che la prossima volta al Supermercato Park ci andiamo tutti insieme ahahahah”

Tutututu

Ha attaccato.

Volevo raccontarle del concerto che ho tenuto ferma in macchina al semaforo…

È stato un successone!

Vabbè, la chiamerò domani.

Intanto vado a giocare con il ferro da stiro.

Hai mai immaginato di vivere un’avventura straordinaria insieme a Mr Aspirapolvere e Mrs Pezzetta?

Quanto ti risulta più facile fare un lavoro pesante pensandolo come fosse un gioco?

Condividi articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter

Potrebbe interessarti