Spaghetti alla matriciana

Spaghetti alla matriciana è un piatto tradizionale della cucina italiana, originario della regione Lazio e in particolare della città di Amatrice. La ricetta originale prevede l’utilizzo di spaghetti, guanciale (o pancetta), cipolla, pomodoro, peperoncino e pecorino.

Ingredienti:

  • 400 g di spaghetti
  • 150 g di guanciale (o pancetta)
  • 1 cipolla
  • 400 g di passata di pomodoro
  • Peperoncino (facoltativo)
  • Pecorino grattugiato
  • Olio d’oliva

Preparazione:

  1. In una pentola, far soffriggere la cipolla tritata in olio d’oliva finché non diventa morbida.
  2. Tagliare il guanciale a cubetti e aggiungerlo alla cipolla. Far rosolare il guanciale per qualche minuto.
  3. Aggiungere la passata di pomodoro e il peperoncino (se lo si desidera) e far cuocere per circa 10 minuti.
  4. Nel frattempo, cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata finché non sono al dente.
  5. Scolare gli spaghetti e unirli al sugo di pomodoro e guanciale. Mescolare bene e aggiungere il pecorino grattugiato. Servire caldo.

Nota: si può sostituire il guanciale con pancetta tagliata sottile e croccante, questo cambia il sapore ma il piatto è comunque molto buono.

La storia della pasta alla matriciana risale alla fine del 1700, ed è originaria della città di Amatrice, un piccolo paese della regione Lazio. La ricetta originale prevedeva l’utilizzo di spaghetti, guanciale (una forma di pancetta), cipolla, peperoncino e pecorino, ingredienti semplici e poveri ma molto saporiti. La pasta alla matriciana divenne popolare tra i contadini e i lavoratori delle campagne della zona, che la consumavano come pasto veloce e nutriente. Con il passare del tempo, la pasta alla matriciana si diffuse in tutta Italia e divenne uno dei piatti più amati della cucina italiana, apprezzato per la sua semplicità e per i sapori decisi e gustosi.

Alcune fonti sostengono che il nome “matriciana” derivi dalla parola “matricianella” che era usata per indicare le donne del paese di Amatrice, questo perché la pasta alla matriciana era considerata un piatto tipico delle donne del posto. Altre fonti invece suggeriscono che il nome derivi dalla parola “matriciana” che si riferisce alla “matrice” o alla “madre”, perché la pasta alla matriciana era considerata un piatto “materno” e nutriente.

In ogni caso, la pasta alla matriciana oggi è un piatto classico della cucina italiana, servito in ristoranti di tutto il mondo e apprezzato per la sua semplicità e per i sapori decisi e gustosi.

POTREBBE INTERESSARTI