RUBRICHE

Un pugno di meravigliosa sabbia: dalla Liguria a Venezia, la vacanza italiana al mare è sempre straordinaria

Baie ampie o piccole, distese chilometriche sulle famose riviere, calette nascoste, angoli selvaggi e incontaminati, luoghi frequentati da vip o sede di importanti manifestazioni culturali, paesaggi naturali che ricordano il Nord Europa.

C’è tutto il mondo racchiuso nelle migliaia e migliaia di spiagge italiane, una varietà di paesaggi forse unica nel pianeta, che rispecchia in pieno la particolare posizione geograica del nostro Paese con quello Stivale che si allunga nel Mediterraneo e insieme a esso riproduce scenari incantevoli da Nord a Sud, passando per le due isole maggiori.

Già dal Settentrione si possono scorgere angoli di paradiso, come la piccola baia di Paraggi, tra Santa Margherita Ligure e la mondana Portoino, situata in un’insenatura naturale e sormontata da un castello del XVII secolo; un posto che evoca poesia tanto da essere inserito nel 2003 tra “i Luoghi del Cuore” del FAI, il Fondo Ambiente Italiano.

Poco più a est, anche le Cinque Terre, Patrimonio UNESCO, sanno rapire il cuore tra borghi pittoreschi, viste mozzaiato e le spiagge.

Tra le più grandi e frequentate c’è quella di Fegina, a Monterosso al Mare, con acque turchesi, la Statua del Gigante e due massici faraglioni. Al di là del lungomare e delle spiagge inizia il Sentiero Azzurro che conduce verso Manarola e che da qui diventa la “Via dell’Amore”. Un vero e proprio tuffo nel romanticismo.

Restando in tema, anche una delle città preferite dagli innamorati, Venezia, ha la sua spiaggia, anzi il suo “Lido”: 12 chilometri di sabbia su un’isola sottile, raggiungibile dal centro storico solo via mare, con il vaporetto. 

Un luogo su cui si accendono i rilettori oprattutto a fine estate con la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica.

Le capanne, grandi cabine con veranda e tenda, sono una delle peculiarità delle spiagge attrezzate del Lido che ha al suo interno anche un’oasi protetta del WWF, la spiaggia degli Alberoni, molto suggestiva. Qui ci sono i Bagni Alberoni, stabilimenti balneari tra i più antichi dell’isola, costruiti nel 1929 per la ricca borghesia internazionale: Henry Ford era un assiduo frequentatore di questi luoghi.

POTREBBE INTERESSARTI